Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il curioso ringraziamento dell’Ucraina al Ministro della difesa russo con una lettera alla Duma: «Grazie per aver rubato i soldi del vostro esercito»

Potrebbe trattarsi di una presa in giro, volta a screditare internamente l’invasore russo, ma la lettera è reale ed è pubblicata sul sito istituzionale ucraino

Il responsabile dell’Agenzia nazionale per la prevenzione della corruzione dell’Ucraina, Alexander Novikov, ha inviato una lettera ufficiale alla Duma, al Consiglio della Federazione e all’anticorruzione russa, per ringraziare pubblicamente il Ministro della Difesa russo Sergei Shoigu. Il motivo? Secondo quanto affermano le istituzioni ucraine, per aver rubato i soldi dell’esercito invasore, indebolendolo e permettendo all’Ucraina di resistere contro l’avanzata di Vladimir Putin.


La lettera è stata pubblicata, integralmente, nel sito istituzionale dell’Agenzia nazionale (NAPC). All’interno vengono riportate alcune foto, come prova dell’impatto subito dalle forze russe a seguito del presunto furto del Ministro Sergei Shoigu. In una di queste (a pagina 4) mostrerebbe alcune protezioni di un carro russo realizzate con il cartone delle uova, come quelle che compriamo comunemente al supermercato.


Un’altra immagine (a pagina 3) riporta l’equipaggiamento di un militare con un giubbotto antiproiettile fatto di cartone anziché di piastre corazzate. Secondo quanto afferma l’ucraino Alexander Novikov, sarebbe stato sequestrato da uno soldato russo catturato.

Viste le condizioni denunciate nel documento, e che secondo gli ucraini sarebbero la prova di un furto di denaro da parte del Ministro della Difesa di Mosca, nel documento vengono proposte delle raccomandazioni da fornire ai soldati russi inviati a invadere l’Ucraina:

  • raggiungere l’insediamento più vicino;
  • abbandonare le armi e l’attrezzatura;
  • scusarsi per aver attraversato il confine;
  • aspettare l’intervento dell’esercito ucraino che gli permetterà di chiamare la madre;
  • aspettare un prossimo ritorno a casa.

Leggi anche: