Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Ucraina, la donna della foto simbolo del bombardamento dell’ospedale di Mariupol ha dato alla luce una bimba

La piccola è nata alle 22 di ieri. «Stanno bene, ma fa molto freddo e i bombardamenti non si fermano»

È stata una delle donne protagoniste, loro malgrado, delle terribili immagini che documentano il bombardamento da parte dei russi su un ospedale pediatrico e di maternità a Mariupol, in Ucraina. Ora Marianna, il cui pancione coperto da un pigiama e il cui volto insanguinato sono diventati tra i simboli di uno dei momenti più terribili, a oggi, di questa guerra («Un pianto patetico dei media occidentali», dirà il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov) ieri sera alle 22 ha dato alla luce una bambina. «Stanno bene, ma a Mariupol fa molto freddo e i bombardamenti non si fermano», scrive su Twitter la giornalista indipendente Olga Tokariuk nel riportare la notizia, spiegando di aver raggiunto telefonicamente un parente della donna.


In copertina Twitter | I bombardamenti a Mariupol, Ucraina.


Leggi anche: