Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

L’appello di Zelensky: «Dobbiamo fermare insieme la Russia e la guerra: scendete tutti in piazza e fatevi sentire» – Il video

Il presidente ucraino in un messaggio (in inglese): «La guerra continua, è passato già un mese! Ricordate: le persone contano, la libertà conta, la pace conta, l’Ucraina conta»

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha invitato le persone di tutto il mondo a scendere in piazza da domani, 24 marzo, a un mese dall’inizio dell’invasione russa, per protestare contro la guerra. «La guerra della Russia non è solo la guerra contro l’Ucraina, il suo senso è più profondo. La Russia ha iniziato la propria guerra contro la libertà per come la conosciamo», ha esordito il presidente ucraino nel suo tradizionale video serale dalle strade di Kiev. Un videomessaggio diverso dai precedenti, perché per la prima volta il presidente ucraino non ha parlato solo alla popolazione ucraina, ma a tutto il mondo, con un raro messaggio in inglese. «Questo è solo l’inizio per la Russia, a partire dalla terre ucraine – ha proseguito Zelensky -. La Russia sta cercando di sconfiggere la libertà di tutte le persone in Europa, di tutte le persone nel mondo. La Russia cerca di dimostrare che solo la forza rozza e crudele conta e cerca di dimostrare che le persone non contano, così come tutte le cose che ci rendono umani. Questo è il motivo per cui tutti dobbiamo fermare la Russia. Il mondo deve fermare la guerra».


Il presidente ucraino ha poi aggiunto: «Ringrazio quanti lavorano a sostegno dell’Ucraina e a sostegno della libertà, ma la guerra continua, continua il terrore contro i civili. È passato già un mese! È così tanto…Mi spezza il cuore, il cuore di tutti gli ucraini e di ogni persona libera sulla terra». E Zelensky ha poi rivolto un appello alle persone di tutto il mondo: «Vi chiedo di opporvi alla guerra, a partire dal 24 marzo, esattamente a un mese dall’inizio dell’invasione russa. Da questo giorno e nei giorni a venire. Mostrate il vostro supporto dai vostri uffici, dalle vostre case, dalle scuole e dalle università. Supportate l’Ucraina, supportate la libertà, supportate la vita. Scendete in piazza, per le strade, rendetevi visibili e ricordate che la libertà è importante, che le persone contano, che la pace è importante, che l’Ucraina è importante. Ovunque, in tutte le città, uniamoci tutti per dire che vogliamo che la guerra finisca». 


Leggi anche: