Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il video dell’antiaerea ucraina che distrugge gli elicotteri russi Kamov a Cherson è di un videogioco

Ancora una volta, le immagini di un videogioco vengono diffuse come prova di un combattimento in Ucraina

Il 24 marzo 2022 diverse testate come Repubblica, La Stampa e Panorama, hanno pubblicato un video che mostrerebbe l’antiaerea ucraina mentre distrugge gli elicotteri russi Kamov a Cherson. Immagino notturne, dove si vede uno dei mezzi esplodere e precipitare a terra, schiantandosi contro delle abitazioni. Lo stesso video era stato pubblicato il 21 marzo 2022 su Youtube con il seguente titolo: «Attack Helicopters shot down by Anti-Air Systems – Arma 3 Military Simulation». Nessun riferimento all’Ucraina, ma a un videogioco.

Per chi ha fretta

  • Il video non mostra un vero combattimento, ma una scena tratta da un videogioco chiamato Arma3.
  • Il video fake è stato diffuso da diversi account sostenitori dell’Ucraina.
  • L’account del Ministero della Difesa ucraino aveva pubblicato un tweet contenente una scena di Arma3, ma lo ha rimosso. Secondo alcuni screenshot si tratterebbe dello stesso video.

Analisi

Ecco l’articolo di Repubblica:

Il comandante in capo delle forze armate ucraine Zaluzhny ha affermato che quattro elicotteri K-52 delle forze armate della Federazione Russa, modello usato per la prima volta nel 2016 durante il conflitto siriano, sono stati distrutti dalla difesa aerea delle forze di terra ucraine nella direzione di Cherson questo mattina.

Le condivisioni

In molti hanno diffuso il video durante la giornata del 24 marzo 2022, via Twitter e Facebook (anche qui e qui):

Il video risulta pubblicato sempre oggi, intorno alle 13:40, da alcuni account Twitter come @This_is_ukr con il seguente testo:

The Ukrainian military shot down four K-52 helicopters of the #Russian Armed Forces in the #Cherson direction. This was announced by the Commander-in-Chief of the Armed Forces of #Ukraine Valery Zaluzhny

L’articolo di Panorama risulterebbe pubblicato (secondo quanto riportato nell’html del sito) intorno alle 13, così come per Repubblica e La Stampa. Molto simili altri tweet, pubblicati da @With_Ukraine, @Ya_Ukrainec, @SLAVAUKRAINE_1, @Eventomund, @KharkivCherson ed @estet_dp, tutti pubblicati intorno alle 13.

Il videogioco

Lo stesso video era stato pubblicato il 21 marzo 2022 dal canale Youtube Norov con il seguente titolo: «Attack Helicopters shot down by Anti-Air Systems – Arma 3 Military Simulation».

Nel titolo, così come nella descrizione, non compaiono riferimenti all’Ucraina o ai militari russi.

La condivisione del Ministero ucriano

Secondo alcuni screenshot, il video sarebbe stato pubblicato dall’account Twitter @DefenceU del Ministero della Difesa ucraino. Il tweet non risulta presente nella timeline dell’account ufficiale, ma dovrebbe esserci qualche traccia risultando, secondo lo screenshot diffuso online, almeno 112 commenti.

Tra le risposte troviamo quella delle ore 13:12 dell’utente @vlad_las_93, il quale fa notare che si tratta di una scena tratta da Arma 3.

Non si tratta dell’unico utente, anche altri avevano fatto notare l’errore. Grazie a loro è possibile risalire al link del tweet, ma questo risulta cancellato e non risultano copie salvate negli archivi digitali o tramite la cache di Google.

Diffuso anche da un media ucraino

Su Facebook risultano diversi screen di un articolo pubblicato dal sito ucraino Tsn.ua. Attualmente risulta rimosso, anche dai social.

Conclusioni

Il video di un elicottero russo abbattuto dall’antiaerea ucraina è in realtà una ripresa tratta da un videogioco noto come Arma3. A diffondere il video sono stati diversi account sostenitori dell’Ucraina, così come dall’account Twitter del Ministero della Difesa ucraino. A seguito di queste condivisioni, il video è stato ripreso anche dalle testate italiane.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Leggi anche: