Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Vladimir Putin non ha suonato l’inno di Mameli al pianoforte per mandare un messaggio agli italiani

La clip proviene da un concerto di beneficienza avvenuto a San Pietroburgo nel 2010

Vladimir Putin è al centro delle cronache degli ultimi giorni, così come delle bufale: l’ultima fake news che lo riguarda prende come riferimento un video del leader del Cremlino mentre suona il pianoforte. Il suono che si sente emettere è quello dell’Inno di Mameli: per questo alcuni utenti sul web sostengono che stia provando a mandare un messaggio all’Italia, attraverso la sua arte. Ma le cose non stanno esattamente così.

Per chi ha fretta:

  • Sta circolando un video in cui Vladimir Putin suona il pianoforte
  • Sulle immagini è stato montato l’audio dell’inno di Mameli: molti utenti sostengono che Putin stia provando a mandare un messaggio al popolo italiano
  • La teoria è arricchita da presunti sottotitoli in cui saluta il nostro Paese e “nonna Peppina”
  • In realtà l’esibizione è avvenuta nel 2010, nell’ambito di un concerto di beneficienza a San Pietroburgo, dove l’inno italiano non è mai stato suonato

Analisi

«Mai visto, Putin al pianoforte che suona l’inno nazionale italiano…peccato che le cose belle non ce le mostrino mai»: queste parole accompagnano una clip, della durata di un minuto, in cui Vladimir Putin è seduto davanti a un pianoforte e inizia ad eseguire un brano. Dopo qualche secondo, interrompe la performance per afferrare il microfono, e fare un breve discorso il cui contenuto – se crediamo ai sottotitoli editati nel video – sarebbe: «Questa è dedicata al popolo italiano. Grazie, mi sento di augurare il meglio agli italiani. Vi voglio bene, ho anche comprato casa a nonna Peppy. Ormai è un popolo perso, abbandonato dalla politica… mi piacerebbe governare per qualche mese, ripulirei la nazione dai corrotti. Grazie… è che gli voglio troppo bene». Quest’immagine tenera e affettuosa, in contrasto con la posa muscolare con cui siamo abituati a vedere il leader del Cremlino, ha scatenato i commenti: « .. NON TUTTI SANNO…E PARLANO A VANVERA!… Putin è anche questo!», scrive un utente. «Un vero criminale di guerra…» commenta un altro.

Pochi secondi, molte domande. Perché Putin sembra ringiovanito di vent’anni? Come mai i movimenti delle sue mani non sono sincronizzati all’audio (tanto che nei primi secondi la musica inizia senza che lui tocchi un tasto)? Chi è nonna Peppina? Andiamo per ordine.

Come si vede dal logo verde presente sulla sinistra, la clip viene da un servizio pubblicato da RT, emittente statale russa che ha postato le immagini per la prima volta… nel 2010. Il video originale, postato su YouTube, adesso risulta non disponibile nel nostro Paese, ma la descrizione spiegava come la commovente performance di Putin avesse avuto luogo nell’ambito di un concerto di beneficienza a San Pietroburgo. Alla serata, organizzata con l’obiettivo di metter su una raccolta fondi per aiutare i bambini con il cancro, avevano preso parte anche – tra gli altri – Kevin Costner, Gerard Depardieu, Mickey Rourke, Sharon Stone, Kurt Russell, Vincent Cassel, Monica Belucci, Ornella Muti, Goldie Hawn.

Il video e la descrizione postati 12 anni fa da RT

In quell’occasione, Putin ha davvero «provato a mandare un messaggio al popolo italiano» suonando l’inno di Mameli, come ha scritto qualcuno? Sembrerebbe di no. Nel corso dell’evento, invece, il presidente russo si è esibito nell’esecuzione di Blueberry Hill, dei Fats Domino. Ne troviamo conferma non solo nella descrizione del post di RT sopracitato, ma anche dalle cronache della serata fatte dal Moscow Times e da Abc news. Possiamo inoltre trovare in circolazione altri video in cui suona la melodia originale, e si alza persino in piedi a cantare. Nessun messaggio dunque al popolo italiano, soprattutto nell’ambito del conflitto attualmente in corso in Ucraina: lo dimostra anche il fatto che la stessa bufala era circolata nel 2017, ben cinque anni fa.

Resta solo un nodo da sciogliere a questo punto: la misteriosa identità di nonna Peppina. Il suo vero nome era Giuseppa Fattori, e divenne noto alle cronache nel 2017 (lo stesso anno in cui vediamo anche circolare la bufala di Putin al piano che “cita il suo nome”), quando venne sfrattata dalla sua casetta di San Martino di Fiastra, dichiarata abusiva. Nonna Peppina era diventata il simbolo del terremoto che colpì il centro Italia nel 2016, ed era stata nominata Commendatore della Repubblica dal presidente Mattarella. È morta a causa di una caduta dal divano lo scorso novembre, all’età di 98 anni.

Conclusioni

I post che sostengono di mostrare un video di Putin che suona l’inno di Mameli al piano stanno diffondendo una notizia falsa. Il video risale a 12 anni fa, quando il presidente russo si esibì per una serata di beneficienza contro il cancro dei bambini, e non lanciò alcun messaggio al popolo italiano o a nonna Peppina.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: