Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La visita Usa a Kiev porta nuovi aiuti militari: 700 milioni di dollari a Ucraina e alleati Nato da spendere in armi

A differenza dei precedenti pacchetti di aiuti militari, stavolta la Casa Bianca ha deciso di stanziare direttamente oltre 300 milioni di dollari che Kiev potrà usare per l’acquisto di nuove armi. Il resto andrà agli alleati Nato che finora hanno sostenuto l’Ucraina per nuove forniture militari

Gli Stati Uniti preparano un nuovo pacchetto di aiuti militari per l’Ucraina e il ritorno dei diplomatici americani a Kiev. L’annuncio della Casa Bianca, rilanciato dall’agenzia Ap, arriva subito dopo la visita nella capitale ucraina di ieri era 24 aprile del Segretario di Stato americano, Antony Blinken, con il capo del Pentagono, Lloyd Austin. Si è trattato della visita americana al più alto livello da quanto è iniziata l’invasione russa in Ucraina due mesi fa, di cui i giornalisti al seguito della delegazione americana per questioni di sicurezza hanno potuto riferire i dettagli solo all’alba di oggi, 25 aprile, quando la delegazione è rientrata in Polonia.


Il nuovo pacchetto Usa di aiuti militari

Il nuovo finanziamento militare americano prevede uno stanziamento di 713 milioni di dollari diretto a Kiev e altri 15 Paesi alleati, all’Ucraina è destinata circa la metà del finanziamento, 322 milioni di dollari. Il resto sarà diviso tra i Paesi partner della Nato che finora hanno fornito aiuti militari all’Ucraina. A differenza dei precedenti pacchetti, stavolta la Casa Bianca non fornirà parte delle proprie scorte militari, ma denaro utili per acquistare ulteriori forniture. In più si aggiungono 165 milioni di dollari in munizioni non americane e compatibili con le armi sovietiche usate dagli ucraini, per un totale di 3,7 miliardi di dollari finora stanziati dagli Stati Uniti in aiuti militari agli ucraini.


L’appello di Zelensky

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky aveva esortato gli americani a non far visita a Kiev a mani vuote, ricorda l’Ap. E almeno le richieste più urgenti fatte dalla presidenza ucraina dovrebbero essere state soddisfatte, spiegano i funzionari americani. La nuova artiglieria, compresi gli obici, continua a essere consegnata con ritmo costante, mentre prosegue l’addestramento degli ucraini nei Paesi vicini per l’uso delle armi più tecnologicamente avanzate.

Leggi anche: