Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Zagarolo, sul manifesto del Pci per la vittoria sul nazifascismo spunta la «Z» simbolo dell’invasione russa

Gli attivisti della sezione Monti Prenestini-Casilina si difendono: «Nessuna provocazione»

«Zagarolo. Festa della Vittoria – L’Unione Sovietica libera l’Europa dal nazifascismo», recita il manifesto diffuso dalla sezione del Pci Monti Prenestini-Casilina per promuovere l’evento organizzato per la mattina di domenica 8 maggio a Zagarolo. Sul manifesto la «Z» di Zagarolo ricalca quello che è divenuto il simbolo dell’invasione russa in Ucraina. Gli attivisti della sezione si giustificano sottolineando che non è un evento «eccezionale», ma una celebrazione svolta anche negli scorsi anni: «Nessuna provocazione. Commemoriamo i caduti sovietici nella zona dei Monti Prenestini», dicono a Repubblica. In merito alla Z di Zagarolo, negano qualsiasi richiamo: «È il nastro di San Giorgio, un nastro commemorativo. C’è sempre stato».  


Ma a leggere il post sulla pagina Facebook della sezione, con cui è stata annunciata la giornata di commemorazione, l’impressione è un’altra: «Oggi, in un mondo in cui vige una narrazione unica, nella quale vengono riabilitati opportunisticamente simboli e gesta dei nazifascisti, con una Nato e un’Ue che armano il Battaglione Azov nazista e banderista e che vede l’Italia in prima fila contro la resistenza del Donbass e nell’invio di armi contro i loro alleati russi, attraverso questa iniziativa vogliamo ribadire i concetti cari al Partito comunista italiano», recita il post. Poi, un elenco dei principi sopracitati: la condanna dell’equiparazione fra nazismo e comunismo, il ripudio della guerra nell’articolo 11 della Costituzione italiana e il desiderio di un’Italia «libera e indipendente, fuori dalla Nato», come di un’Europa «dei popoli», «un’Ucraina neutrale e antifascista» e una «collaborazione con la Russia» per liberarsi dal «giogo» degli Stati Uniti. 


Leggi anche: