Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La Russia progetta missili ipersonici di nuova generazione: «Si potranno lanciare da terra, aria e mare»

L’annuncio del vice primo ministro Borisov nel giorno della Grande Parata per celebrare la vittoria nella Seconda Guerra Mondiale

La Russia sta progettando missili ipersonici di nuova generazione per vari tipi di veicoli. Lo ha annunciato il vice primo ministro russo Yury Borisov in un’intervista a Interfax ripresa anche dall’agenzia di stampa Reuters nel giorno della Grande Parata per celebrare la vittoria nella Seconda Guerra Mondiale. «I missili ipersonici di prossima generazione da lanciare da terra, aria e mare sono in fase di progettazione. Per le loro caratteristiche essi supereranno i prodotti esistenti e futuri delle maggiori nazioni», ha detto Borisov. «I missili verranno trasportati da aerei nuovi e potenziati e i bombardieri Tu-22M3M stanno già conducendo dei test», ha aggiunto. La Russia possiede già i sistemi missilistici ipersonici Tsirkon, Avangard e Kinzhal.


Ma il vice primo ministro ha anche ironizzato sui report dell’intelligence britannica, che aveva segnalato carenze nella capacità delle forze russe di condurre attacchi mirati, accusandola di effettuare bombardamenti intensi e indiscriminati, con poca o nessuna considerazione per le vittime civili. «Se si crede a tutto ciò che dicono dall’altra parte, la Russia avrebbe dovuto esaurire i missili a marzo. Per qualche ragione, non è stato così. Le imprese della difesa stanno fornendo al nostro esercito la gamma necessaria di missili ad alta precisione nelle quantità necessarie», ha detto Yury Borisov.


«Ci sono abbastanza moderni missili e munizioni ad alta precisione per portare a termine tutte le missioni stabilite», ha concluso. Intanto Mosca ha schierato nel Mar Nero, vicino alle coste ucraine, sei navi con oltre 50 missili da crociera in dotazione e due sottomarini. Lo scrive The Kyiv Independent che rilancia informazioni dei militari ucraini in un aggiornamento diffuso nelle ultime ore dal Comando operativo meridionale.

In copertina: foto di repertorio

Continua a leggere su Open

Leggi anche: