Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Fit for 55 al voto a Strasburgo: cosa decide l’Europa sulle auto a benzina e diesel

Nel maxipacchetto la proposta di vietare la vendita di mezzi a combustione interna. Ma c’è chi dice no

Oggi a Strasburgo il Parlamento europeo vota gli otto dossier legislativi del pacchetto “Fit for 55”, che fa parte del Green New Deal. Otto voti per l’impegno della Commissione europea sul taglio delle emissioni del 55% entro il 2030. E su cui la maggioranza Ursula rischia di andare a schiantarsi. Perché nel maxipacchetto c’è la proposta di vietare la vendita di automobili e furgoni a benzina, diesel e a Gpl a partire dal 2035. E anche quella sul sistema Ets II, che tassa i trasporti su gomma e riscaldamento anche dei privati. Su entrambi i punti il Partito Popolare Europeo ha presentato emendamenti. Che potrebbero cambiare tutto.


Cosa si vota oggi al Parlamento Europeo

Il Ppe ha presentato un emendamento che riduce dal 100% al 90% le auto nuove coinvolte nello stop alle vendita dal 2035 se emettono C02. Si lascerebbe così un margine del 10% alla vendita di auto inquinanti. Se l’emendamento non passasse i popolari potrebbero votare contro l’intero pacchetto. Un altro emendamento punta alla riforma del sistema Ets. Il Parlamento Ue vuole che il mercato della CO2, il sistema che copre le emissioni degli impianti industriali e il settore energetico, costituisca un incentivo più importante alla decarbonizzazione. L’Europarlamento mira anche a creare un fondo per gli investimenti nell’innovazione per le imprese europee. Bruxelles punta anche all’estensione del sistema Ets al trasporto aereo e marittimo. E ha proposto anche un sistema simile per i trasporti, ma questo potrebbe avere ripercussioni sul prezzo del carburante.


Spiega oggi La Stampa che la Commissione vuole introdurre uno schema simile a quello delle quote di emissione per il riscaldamento delle case e per i carburanti. Ma tra i parlamentari c’è chi vorrebbe limitare la misura agli edifici e ai mezzi commerciali. Ma le risorse che la commissione vuole raccogliere serviranno a finanziare il fondo sociale per il clima. Che così rischia di rimanere a secco. Un altro punto contestato è la carbon tax alle frontiere. Un meccanismo trasferirebbe il prezzo della CO2 applicato nell’Ue ad alcuni prodotti importati da Paesi con standard di emissione meno rigorosi. Nella proposta originaria della Commissione europea e in quella dell’Europarlamento l’introduzione del sistema implica la riduzione graduale e l’eliminazione dei permessi CO2 gratuiti di cui beneficia l’industria Ue nell’ambito del sistema Ue-Ets.

Leggi anche: