Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia
SCIENZE EsaItaliaSpazioVideo

Partito Vega C, il nuovo razzo Esa sviluppato interamente in Italia – Il video

Costruito negli stabilimenti di Avio a Colleferro, aveva a bordo il satellite dell’Asi “Lares 2” e 6 cubesat, due dei quali italiani

È partito Vega C, il nuovo razzo dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) costruito in Italia. Alle 15.13 italiane, al terzo tentativo, il razzo si è alzato dalla base di lancio spaziale a Kourou, in Guyana Francese. Pensato per portare carichi in orbita in maniera innovativa, è stato sviluppato interamente negli stabilimenti di Avio a Colleferro (Roma). A bordo oggi c’erano il satellite scientifico Lares 2 dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e 6 cubesat – dei piccoli satelliti. Lares 2 è una sfera riflettente, che dovrà essere portata da Vega C a quasi 6.000 chilometri di altezza (5.893 per la precisione), dove sarà oggetto di esperimenti che serviranno a testare due fenomeni descritti dalla Relatività generale di Albert Einstein (il campo gravitomagnetico terrestre e l’effetto frame-dragging). Per quanto riguarda i cubesat, sono stati selezionati dall’Esa e realizzati da università e centri di ricerca europei. Tra questi ci sono anche due i piccoli satelliti a firma italiana: Astrobio (realizzato da Inaf e Scuola di ingegneria aerospaziale) e GreenCube (realizzato da “Sapienza” Università di Roma). Tutti e 6 verranno rilasciati 5.841 chilometri dalla Terra.


Il rilascio a diverse orbite è l’innovazione importante, possibile grazie al nuovo motore Avum+ a propellente liquido. Dopo aver completato i rilasci, Vega C sarà in grado anche di indirizzare lo stadio finale in un’orbita di rientro verso la Terra, in modo da non restare in orbita: brucerà nell’atmosfera senza diventare un detrito spaziale.


Gli inconvenienti tecnici

Il lancio era previsto inizialmente alle 13:13, ma per ben due volte il conto alla rovescia si è interrotto pochi secondi prima dell’accensione dei motori per colpa di inconvenienti tecnici. Il lancio è stato riprogrammato con 120 minuti di ritardo, al limite ultimo della finestra di lancio possibile.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: