Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Spagna, a Barcellona il Comune impiega quasi 300 capre per prevenire gli incendi

L’eco-pascolo è una tecnica sperimentata già da 20 anni in Andalusia e che sta prendendo piede anche in Francia e Portogallo. Gli animali ripuliscono la vegetazione boschiva che, così, non diventa combustibile in caso di rogo

Quando la natura si “autoconserva”. Per prevenire il rischio di incendi che minacciano l’intero Paese, a Barcellona, tra aprile e luglio, il Comune ha avviato un’ingegnosa forma di “eco-pascolo”: 290 tra capre e pecore si sono il più possibile nutrite di vegetazione boschiva, riducendo il rischio di farla diventare combustibile in caso di roghi. L’esperimento è stato condotto nel parco naturale di Collserola, polmone verde della città catalana. «Non ci stiamo inventando niente», ha spiegato al Guardian Guillem Canaleta della fondazione Pau Costa, impegnata nella prevenzione degli incendi forestali. «Stiamo aggiornando una pratica che esisteva prima e che è scomparsa». Lui che, in effetti, aveva già collaudato il metodo nel 2016 nella provincia di Girona, sempre in Catalogna.


I vantaggi dell’eco-pascolo: dal risparmio al mantenimento del ciclo vitale

A conti fatti, si tratterebbe di un metodo anche economicamente vantaggioso per le città. In Andalusia, nel sud della Spagna, la tecnica dell’eco-pascolo viene utilizzata da circa 20 anni. Attualmente la regione impiega circa 100.000 animali, risparmiando il 75% di quello che costerebbe sgomberare meccanicamente i terreni. Inoltre, I fautori della pratica sostengono che, così facendo, gli animali partecipino alla reimpollinazione della terra, portando con loro i semi delle piante. A oggi capre e pecore catalane avrebbero ripulito circa 72 ettari del parco di Collserola. Pochi, considerando che il bosco si estende per una superficie di circa 8.000 ettari, ma indubbiamente un valido aiuto contro il rischio di incendi. Alle capre, stando a quanto riportato dal canale francese BFM TV, starebbero ricorrendo anche in Francia, Portogallo e California. «Nel 2020 – si legge sul sito della tv francese- il ministero dell’Agricoltura aveva espresso riconoscenza a un allevamento di capre Rove nella zona delle Bouches-du-Rhône, in Provenza, che avrebbe contribuito alla prevenzione degli incendi ripulendo la macchia vegetale».


Il primato della capra Rove

«Una capra è il miglior decespugliatore ecologico», ha spiegato l’allevatore Éric Prioré. «Soprattutto la capra Rove, che dal punto di vista alimentare non presenta difficoltà (…). Le capre possono mangiare tutto ciò che è alla loro altezza, quando stanno sulle due zampe posteriori», ha aggiunto Prioré. Questa estate, riporta la BFM TV, a Hyères, nel dipartimento provenzale del Varo, l’associazione Bêle colline si è spostata di proprietà in proprietà per sgomberarle naturalmente con l’aiuto del proprio gregge di capre. In Francia, i proprietari terrieri che vivono a meno di 200 metri da un bosco o da una foresta hanno l’obbligo legale di pulire le loro proprietà.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: