Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La verità dell’Aiea su Zaporizhzia: «Centrale bombardata, pericolo combustibile e dispersione di materiale radioattivo»

Il capo dell’agenzia Grossi: bisogna firmare una moratoria per far finire i missili

«Ci sono due fori da colpi di mortaio di un metro di diametro sul tetto di un magazzino di combustibile nucleare: siamo stati molto fortunati, perché quei colpi avrebbero potuto disperdere nell’ambiente materiale radioattivo». Rafael Grossi dell’Aiea in un’intervista rilasciata a Repubblica oggi spiega cosa sta succedendo alla centrale di Zaporizhzhia durante la guerra tra Russia e Ucraina. «Non sono in pericolo i reattori, protetti da edifici molto robusti, difficili da bucare, ma il combustibile non ha lo stesso grado di protezione», spiega Grossi. Che aggiunge: «E poi c’è il problema dell’elettricità per i sistemi di sicurezza e di raffreddamento».


La guerra

Gli ucraini hanno accusato i russi in più occasioni di voler prendere possesso della centrale per staccare le linee elettriche del paese. Sull’accusa Grossi è dubbioso, anche se non la esclude del tutto: «Normalmente ci sono quattro linee elettriche che arrivano dall’esterno e una interna che alimentano i sistemi di sicurezza e di raffreddamento dei reattori. In questo momento le linee funzionanti sono una o due. Gli ucraini sostengono che fa parte di un piano russo per scollegare la centrale dalla rete di Kiev. Tecnicamente è difficile da fare, ma non lo si può escludere del tutto».


La santuarizzazione dell’impianto

Il numero 1 dell’Aiea dice che i suoi tecnici provano da quattro mesi ad arrivare alla centrale. Per quanto riguarda la sicurezza «sono andati perduti molti sistemi di comunicazione e ci sono molti danni dovuti agli attacchi e ai bombardamenti quasi sistematici all’impianto». E vuole proporre una “santuarizzazione” dell’impianto, con un patto tra russi e ucraini. E questo perché «la demilitarizzazione è un concetto più ampio e anche più ambizioso. Io sono legittimato a parlare di sicurezza degli impianti nucleari. Abbiamo visto con i nostri occhi che la sicurezza nucleare è stata compressa e si deve fare qualcosa. La demilitarizzazione non è realistica, anche perché la centrale non si trova in un’area interna conquistata dai russi, ma proprio sulla linea del fronte. Ci vorrebbero negoziati ad altissimo livello, che esulano dalle competenze dell’Agenzia».

Continua a leggere su Open

Leggi anche: