Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Nations League, l’Italia batte l’Ungheria 2-0 e si qualifica alle Final Four

Con il goal di Raspadori al 27′ e la rete di Dimarco al 52′, gli azzurri di Mancini riescono a vincere anche sul campo della Puskas Arena dopo aver sconfitto Germania e Inghilterra

Gli azzurri di  Roberto Mancini vincono ancora e si aggiudicano l’accesso alle Final Four della Nations League battendo l’Ungheria 0-2. Dopo aver conquistato per ben due volte la vittoria contro due super potenze come Germania e Inghilterra, la Nazionale italiana è scesa sul campo della Puskas Arena di Budapest segnando il primo gol al 27′ con Raspadori e la seconda rete al 52′ con Dimarco. Il successo con l’Inghilterra ha assicurato agli azzurri anche la certezza di essere tra i team più temuti il prossimo 9 ottobre al sorteggio dei gironi di qualificazione a Euro 2024. «Stiamo valutando la cosa migliore da fare per metterli in difficoltà», aveva dichiarato il Ct Mancini a poche ore dallo scontro con l’Ungheria, «se saremo con l’assetto di San Siro l’importante sarà attaccare con più giocatori». Ora la corsa continua alle Final Four. E pochi minuti dopo della vittoria conquistata è stato lo stesso Mancini a commentare la prestazione dei suoi ragazzi: «Abbiamo fatto molto bene per 70′, ma sono contento perché in quel periodo siamo stati bravissimi. Alla fine ci siamo fatti schiacciare e non mi sono piaciuti. Era importante qualificarsi, però il resto rimane, non c’è altro da fare. I ragazzi sono stati bravi a vincere un gruppo difficilissimo». A gioire per la vittoria anche Gianluigi Donnarumma che però non dimentica una ferita ancora aperta: «Questa qualificazione ci voleva proprio per restituire un po’ d’entusiasmo, anche se non si può tornare indietro: la mancata qualificazione per il Mondiale è una ferita aperta», ha detto. «Bisognava ripartire, dovevamo farlo per tutta l’Italia e per chi credeva in noi. Siamo partiti bene con due vittorie, andiamo alle Final Four e cerchiamo di vincerle».


Continua a leggere su Open


Leggi anche: