Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il complottista Alex Jones dovrà risarcire con 965 milioni di dollari le famiglie delle vittime della strage di Sandy Hook

Il fondatore di Infowars per anni ha definito il massacro in cui persero la vita 26 persone, tra cui 20 bambini, una «bufala» del governo, e le famiglie delle vittime degli «attori»

Le bugie, alla lunga, si pagano. E nel caso del cospirazionista di estrema destra e fondatore del sito Infowars, Alex Jones, il prezzo da pagare è altissimo. Il più grande complottista statunitense, infatti, dovrà risarcire con 965 milioni di dollari le famiglie delle vittime per aver negato la strage di Sandy Hook, la scuola elementare in Connectitut, negli Stati Uniti, dove il 14 dicembre del 2012 il 20enne Adam Lanza uccise 26 persone, tra cui 20 bambini. Le famiglie delle vittime hanno citato Jones in giudizio per diffamazione, inflizione intenzionale di stress emotivo e violazione della legge sulle pratiche commerciali sleali del Connecticut, mediante cui Jones ha tratto profitto dalle sue teorie del complotto sulla sparatoria. Il verdetto è arrivato su indicazione della giuria di Waterbury, nel Connecticut, chiamata a decidere quanto denaro Jones e la sua società, la Free Speech Systems, avrebbero dovuto pagare per aver diffuso la teoria del complotto. Per anni, infatti, il complottista ha definito il massacro una «bufala» del governo e le famiglie delle vittime degli «attori». Dopo la sentenza, Jones, ha sbefeggiato la giuria per la sentenza: «Perché non trilioni a questo punto?». E ancora: «Questo è un incubo, anche perché io i soldi non ce li ho!». Tant’è. A causa delle menzogne e falsità di Jones, le famiglie e i parenti delle vittime del massacro di Sandy Hook, a quasi un decennio di distanza dall’evento, sono ancora bersaglio di persone che hanno creduto alla teoria del complotto messa in piedi dall’uomo, ricevendo minacce di morte e di violenza sessuale. La cifra sarà divisa tra 15 querelanti, parenti delle vittime di Sandy Hook e William Aldenberg, un agente dell’Fbi colpito dalla teorie di Jones.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: