Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Lo striscione sulla Marcia su Roma vicino al Colosseo, il blitz dei neofascisti: cosa c’era sotto

Sul ponte degli Annibaldi è stata esposta una gigantografia del duce alla vigilia del centenario della marcia

I neofascisti del Movimento nazionale hanno esposto uno striscione che inneggia alla marcia su Roma e una gigantografia di Benito Mussolini sul ponte degli Annibaldi, a pochi passi dal Colosseo. «La marcia continua», il messaggio dei militanti neri del gruppo di estrema destra di Giustino D’Uva, con il chiaro riferimento alla marcia su Roma del 28 ottobre 1922, alla vigilia del centenario. Poco prima era stato esposto un altro striscione, di segno completamente opposto – e che si intravede nelle immagini che circolano sui social. Accanto alla data dell’evento storico veniva scritto: «Si sa come va a finire», con l’immagine del duce capovolta, a ricordare quanto accaduto il 29 aprile 1945 in piazzale Loreto a Milano quando il cadavere di Benito Mussolini venne appeso a testa in giù. Sullo stesso ponte, poche settimane fa, era comparso un messaggio contro il neo presidente del Senato Ignazio La Russa: in quell’occasione l’azione era stata commessa dai giovani comunisti di Cambiare Rotta, che promettevano di dare battaglia al senatore di Fratelli d’Italia.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: