Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Roma, la storia dell’aggressione al senzatetto a Piazza Trilussa: «Gli davano vodka e gli sputavano, poi i calci e la rissa» – Il video

Parla il testimone che ha girato il filmato: quando è arrivata la polizia erano già scappati

Simone Lopetti, 55enne del Quartaccio soprannominato Pantera, è il senzatetto vittima dell’aggressione in piazza Trilussa a Trastevere del 30 ottobre scorso. La persona che ha registrato il video oggi racconta all’edizione romana di Repubblica cosa è successo in quegli attimi. Lopetti è un ex tossicodipendente con molti precedenti penali. «Quando sono arrivato in piazza ho visto un gruppo di ragazzini che stava facendo bere quell’uomo da una bottiglia di vodka, lui era già ubriaco», racconta il testimone. «Uno lo teneva e l’altro gliela versava» in bocca. Quando la bottiglia ormai è quasi finita, «mancavano circa 200 ml – aggiunge il testimone – gli hanno versato la rimanenza addosso. Per questo era tutto bagnato. Hanno approfittato di una persona fragile». «Sono partiti prima degli sputi – dice l’autore del video – uno sul sopracciglio, l’altro all’altezza della mutanda. Poi i calci, dietro la schiena e direttamente in faccia». Il filmato mostra un ragazzo con il giubbotto bianco che interviene per difenderlo e viene aggredito a sua volta: «Il ragazzo che è “partito” mettendo la mano in faccia al picchiatore al grido: “Che stai a fa’?” all’inizio anche lui prendeva in giro quell’uomo. Forse ha avuto un ripensamento». Pantera a volte si aggira per Roma in abiti femminili. I residenti lo definiscono come eccentrico ma mai violento. È stato preso a calci in testa senza pietà, «dietro la schiena e direttamente in faccia. I picchiatori erano decisamente minorenni, non avevano nemmeno la barba. Ho riguardato i fotogrammi per studiare le loro espressioni: non trapela nulla, nessuna emozione. Per loro picchiare in testa quell’uomo è stato come aprire una finestra». Dopo il pestaggio Pantera si è seduto sui gradini della fontana. «La polizia è arrivata 25, 30 minuti dopo con una camionetta», conclude il testimone. Gli agenti stavano intervenendo in via San Francesco a Ripa, dove un uomo minacciava i clienti di un bar con un coltello. Quando sono arrivati la banda era già andata via.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: