Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Il bambino argentino di 4 anni Santino Godoy Blanco non è morto a causa dei vaccini anti Covid-19

Un caso di malasanità viene ricondotto dai No Vax come un decesso per vaccino anti Covid-19 dopo tre dosi, ignorando la campagna vaccinale argentina

Circola online l’ennesimo caso di sfruttamento del decesso di un minore per la causa No Vax e in particolare contro i vaccini anti Covid-19. Il caso riguarda la morte di Santino Godoy Blanco, bambino di 4 anni testimonial della campagna vaccinale pediatrica in Argentina contro morbillo, rosolia, parotite e poliomielite. Secondo il fronte della propaganda No Vax, Santino sarebbe morto dopo aver ricevuto tre dosi di vaccino, ma la storia è tutt’altra e riguarda un caso di malasanità denunciato dalla stessa madre Agustina.

Per chi ha fretta

  • Non fornendo una chiara indicazione, chi riporta la storia di Santino fa intendere che fosse testimonial della campagna vaccinale anti Covid-19.
  • Santino era testimonial della campagna vaccinale pediatrica contro morbillo, rosolia, parotite e poliomielite.
  • Il decesso di Santino non è stato determinato dai vaccini anti Covid-19, ma da un caso di abbandono e malasanità, come denunciato dalla stessa madre.
  • L’autopsia ha riscontrato la causa di morte di Santino: polmonite bilaterale.
  • Santino, nel caso fosse vaccinato contro la Covid-19, avrebbe ricevuto solo il vaccino cinese Sinopharm. Inoltre, non è prevista una terza dose per i bambini di 3 e 4 anni.

Analisi

Ecco uno dei post dove viene condivisa l’immagine e la narrazione falsa, riportata di seguito:

Shock in Argentina per l’improvvisa morte di Santino Godoy Blanco, il bimbo di 4 anni testimonial della campagna vaccinale per i bambini. Aveva ricevuto 3 dosi. Riposa in pace Santino… a questi criminali ci penserà il karma!

La vera storia di Santino

Il bambino si chiamava Santino Blanco Godoy, deceduto all’età di 4 anni a San Miguel in Argentina. Chi riporta la sua storia in questi giorni lo pone come testimonial della campagna vaccinale, facendo intendere che si tratti di quella anti Covid-19. In realtà, il bambino si era occupato della campagna vaccinale pediatrica contro morbillo, rosolia, parotite e poliomielite.

Ciò che non riporta l’autore della bufala, come andremo a verificare di seguito, è la vera storia di Santino e la causa della sua morte. A riportare quanto davvero accaduto è il quotidiano Clarìn nell’articolo del 9 novembre 2022, dove viene riportato il video della madre Agustina che denuncia un caso di malasanità che avrebbe determinato la morte del figlio.

Una volta compreso che Santino si sentiva male, la madre lo fece visitare presso l’ospedale di San Miguel. La struttura l’aveva però rimandato a casa, perché ritenevano che fosse solo una laringite. Un’altra diagnosi indicava un caso di gastroenterocolite. L’ultimo medico che si era preso in carico il caso di Santino ritenne inutile spostarlo in una struttura più adeguata. La madre, a seguito del decesso, ha presentato denuncia raccontando nel dettaglio la sua versione dei fatti, accusando medici e infermieri di non essersi occupati a dovere del figlio e di averlo abbandonato per almeno un’ora durante le visite, determinandone il decesso. A rivelare la causa di morte è stata l’autopsia: polmonite bilaterale.

L’origine dell’immagine

La grafica e il testo sono opera del negazionista e complottista No Vax “Ugo Fuoco”, particolarmente noto nel gennaio 2022 per aver festeggiato il decesso di David Sassoli. Ecco la pubblicazione sul suo canale Telegram in data 12 novembre 2022:

MUORE A 4 ANNI IL BIMBO CHE IN ARGENTINA ERA STATO TESTIMONIAL DELLA CAMPAGNA VACCINALE PER I BAMBINI.

SANTINO GODOY BLANCO, QUESTO IL NOME DEL BIMBO, ERA SANO E NON AVEVA ALCUN PROBLEMA DI SALUTE PRIMA DI RICEVERE LE INOCULAZIONI.

QUESTI MALEDETTI CRIMINALI AVRANNO CIÒ CHE SI MERITANO. CI PENSERÀ IL KARMA.

PER FAVORE DIFFONDIAMO QUESTA NOTIZIA OVUNQUE IN MEMORIA DI QUESTO INNOCENTE E PER FERMARE LE INTENZIONI DEPOPOLATRICI DELL’EMA CHE HA DA POCO APPROVATO IN EUROPA IL VACCINO PER I BIMBI DAI 6 MESI AI 5 ANNI DI ETÀ.

Non è la prima volta che Ugo Fuoco sfrutta e decontestualizza i decessi dei minori, come riportato in un precedente articolo di Open Fact-checking.

Un’altra versione pro No Vax

Esiste un’altra versione, diffusa da pagine come quella del “Movimento padri UNITI italiani” dove leggiamo il seguente testo:

In Argentina morto per vaccino anche il bimbo che promuoveva la campagna vaccinale! I genitori adesso saranno felici… Viva il grafene!

Gli admin della pagina commentano così:

Se non si trattasse di un innocente ci sarebbe da ridere! I genitori si meritano una vita di rimorsi!

Quale vaccino anti Covid-19 per Santino?

Come in altre parti del mondo, non tutti utilizzano lo stesso tipo di vaccino. In Argentina, come riportato dal sito istituzionale dedicato, vengono somministrati i seguenti prodotti in diverse fasce di età: Sputnik V (over 18), Covishield (over 18), Sinopharm (over 3), AstraZeneca (over 18), Moderna (over 12), Convidecia (over 18) e Comirnaty (over 12). Nel caso di Santino, se fosse stato vaccinato contro la Covid-19, avrebbe potuto ricevere il vaccino cinese Sinopharm dove sono previste 2 dosi.

Sempre dal sito istituzionale argentino, riscontriamo che per i minori tra i 3 e gli 11 anni sono stati autorizzati i seguenti prodotti: Comirnaty per gli over 5 e Moderna per gli over 6. Santino non avrebbe ricevuto una terza dose, in quanto il governo argentino non la ritiene necessaria: «Aun no hay evidencia para extender la recomendación al grupo etario 3 a 4 años».

Conclusioni

L’immagine diffusa con la narrazione che associa il decesso di Santino ai vaccini anti Covid-19 è del tutto falsa. Il decesso del piccolo non è stato determinato dai vaccini anti Covid-19, ma da un caso di abbandono e malasanità. Il bambino, in ogni caso, non avrebbe potuto ricevere tre dosi del vaccino cinese, l’unico previsto in argentina per la vaccinazione degli over 3 e under 5.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: