Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Artemis 1, le prime immagini della Terra e della Luna dal satellite italiano ArgoMoon – Le foto

L’agenzia spaziale italiana ha condiviso le prime immagini scattate dal satellite “made in italy”: «Bellissime foto! L’Italia c’è!»

Una foto della Luna e una della Terra, in particolare dell’Australia, scattate rispettivamente a una distanza di circa 278mila e 125 mila chilometri. Sono queste le prime immagini inviate da ArgoMoon, il satellite dell’Agenzia Spaziale Italiana, nell’ambito di Artemis 1, la missione della Nasa che segna il primo passo verso il ritorno dell’uomo sulla Luna. Il satellite è stato sviluppato dall’azienda torinese Argotec, che ora è al lavoro per completare la messa in servizio e procedere con la missione. «Bellissime foto della Terra e della Luna, la nostra prossima casa grazie al programma Artemis», ha commentato Giorgio Saccoccia, presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana. «Sono state scattate dal nostro cubesat ArgoMoon nel suo viaggio di trasferimento dopo la separazione dallo Space Launch System, il nuovo grande lanciatore americano, indispensabile per far tornare l’umanità verso la Luna. L’Italia c’è!», ha aggiunto il numero uno dell’Asi. Grande entusiasmo anche da parte di David Avino, ceo di Argotec. «La nostra piattaforma satellitare ha nuovamente garantito prestazioni eccellenti in contesti estremamente complessi. Per la seconda volta in poche settimane abbiamo consegnato alla storia foto dallo spazio profondo». La missione Artemis 1 è partita lo scorso 16 novembre dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral. Lunedì 21 novembre, il modulo di servizio di Orion dovrebbe passare a circa 100 chilometri dalla superficie lunare e, a quel punto, potrà entrare in un’orbita stabile.


ASI / NASA | La prima foto della Terra scattata nell’ambito della missione Artemis 1 dal satellite italiano Argomoon
ASI / NASA | La prima foto della Luna scattata nell’ambito della missione Artemis 1 dal satellite italiano Argomoon

Continua a leggere su Open


Leggi anche: