«’Last Christmas’, ora basta». Il crowdfunding di una coppia svedese per far sparire il tormentone di Natale

Tomas e Hannah hanno avviato la raccolta fondi per comprare il master del brano di George Michael e farlo sparire in un sito di scorie nucleari finlandese

Una coppia svedese, stanca di ascoltare il tormentone natalizio Last Christmas degli Wham!, ha avviato una campagna di crowdfunding per comprarne i diritti e farlo sparire in un sito di scorie nucleari finlandese. «Ci siamo accorti subito che in molti sarebbero disposti a pagare per non sentire più quella canzone», ha detto Tomas Mazzetti, citato dal quotidiano Expressen. Finora la coppia è riuscita a coinvolgere poco meno di 1.300 persone, disposte a versare nel complesso 1,2 milioni di corone svedesi – poco più di 100mila euro – per comprare i diritti del singolo uscito nel 1984. Una cifra, però, spiega Daily Star, ben lontana da quella necessaria per acquistare il tormentone. La Warner Chappel Music Uk, detentrice del brano, infatti, avrebbe stimato il prezzo del suo acquisto tra i 15 e i 25 milioni di dollari. Tomas e la moglie Hannah, che nella vita è una pittrice, però, tengono a precisare che «non è nulla di personale contro George Michael». Sono semplicemente stanchi di sentire la canzone che anno dopo anno rimbomba nelle casse dei negozi e alla radio nel periodo di Natale. In particolare, racconta Mazetti al quotidiano svedese, «l’odio della mia compagna (nei confronti della canzone, ndr) è nato circa 13 anni fa. Nel bar dove lavorava a Oxford – spiega – la canzone degli Wham! veniva continuamente riprodotta durante il periodo natalizio». Se l’operazione dovesse riuscire, la coppia promette di fare altrettanto anche per All I want for Christmas is you di Mariah Carey, che nel solo giorno della vigilia di Natale 2022 ha ottenuto ben 21.273.000 di ascolti su Spotify, divenendo il singolo con il maggior numero di ascolti di sempre in ventiquattro ore, e per Santa Baby di Alicia Keys


Foto copertina: NEW YORK POST | La coppia svedese che ha avviato la petizione


Continua a leggere su Open

Leggi anche: