L’ex maratoneta Emanuele Zenucchi arrestato per spaccio nega le accusa: «È per uso personale, nei momenti di sconforto»

Il giudice gli ha imposto l’obbligo di presentarsi quotidianamente dai carabinieri: «Quando ho smesso di gareggiare mi sono sfasato»

Il maratoneta Emanuele Zenucchi è comparso davanti al giudice del processo per direttissima per rispondere dell’accusa di detenzione ai fini di spaccio, dopo essere stato trovato con 16 grammi di eroina e 3 grammi e mezzo di cocaina. Il giudice ha deciso di imporgli l’obbligo di presentarsi quotidianamente ai carabinieri. Il processo finirà il 12 luglio. La storia di Zenucchi rivela una parabola tragica, quella di un uomo che ha conosciuto l’apice del successo sportivo per poi precipitare nell’abisso dei problemi legali conseguenti alla droga. Un tempo acclamato atleta, con 41 maratone vinte e numerosi altri titoli, ora deve difendersi dalle accuse in tribunale. Pur negando lo spaccio, ammette di fare un uso personale di sostanze stupefacenti da circa un anno e mezzo, utilizzandole in momenti di sconforto.


«Quando ho smesso di gareggiare mi sono sfasato»

«È capitato che la regalassi a qualche amico. La uso saltuariamente quando sono giù. Quando ho smesso di gareggiare mi sono sfasato», ha detto, riportato dal Corriere della Sera. Quanto al bilancino trovato nella sua auto, sostiene che fosse destinato a un uso personale per la droga, non per lo spaccio, e che si trovava nel parcheggio non per vendere, ma per un’imprevista necessità di acquistare una batteria per l’auto: «Ero rimasto a piedi con a macchina, sono riuscito a raggiungere il parcheggio e sono andato a comprare la batteria a Orio (Oriocenter, non distante ndr). Ho lo scontrino», ha detto al giudice. L’ex atleta ora continua a correre e ad allenare altri, ma la sua vita è segnata dalle beghe legali e dalle difficoltà economiche. Vive con la madre e ammette di avere pochi mezzi finanziari a disposizione, rivelando di essere arrivato a vendere anche una delle sue medaglie d’oro.


Foto di copertina: Facebook – profilo Emanuele Zenucchi

Leggi anche: