Fedez contro Marcell Jacobs: la lite sulla società della madre finisce in tribunale

Il campione dell’atletica leggera ha lasciato la Dome, che curava la sua immagine. Poi la causa per diffamazione

Fedez contro Marcell Jacobs. Lo scontro che non t’aspetti arriva in tribunale, anche se “solo” per una causa per diffamazione. Ma il campione dell’atletica rischia il rinvio a giudizio a causa della Dome e di Annamaria Berrinzaghi, ovvero la madre del rapper. Tutto comincia nel 2021: la Dream of Ordinary Madness gestisce l’immagine di Jacobs, così come quella di Fedez e del calciatore Zaniolo. L’italiano di Desenzano del Garda vince la medaglia d’oro nei cento metri piani e quella della staffetta insieme agli altri azzurri. All’epoca già si parla degli enormi guadagni che la vittoria significherà per l’atleta. E si punta anche sull’attività promozionale della Dome, che «mette al centro i brand, con progetti creativi, di consulenza e influencer marketing».


La lite

Poi, racconta il Corriere della Sera, succede qualcosa. Jacobs rompe il contratto con la Dome, che avvia una causa civile contro di lui. Ma soprattutto il 18 gennaio 2023 rilascia un’intervista in cui accusa la società di non aver curato nel migliore dei modi i suoi interessi. «Nel 2018 mi sono affidato alla società di Fedez, mi aspettavo che stare vicino a lui desse visibilità ma lì non hanno mai sviluppato un progetto», dichiara. «Ho vinto a Tokyo e mi hanno scritto 24 ore dopo. Erano al mare e non gliene fregava niente», aggiunge. La reazione non si fa attendere. Gli avvocati Gabriele Minniti e Andrea Pietrolucci ricevono mandato di querelare per diffamazione da Berrinzaghi e Fedez, oltre che dal rappresentante legale dell’azienda. E la procura di Brescia decide di sostenere l’accusa di diffamazione.


La diffamazione

Il sostituto procuratore Giovanni Tedeschi deposita l’avviso di conclusione indagini, che di solito prelude alla richiesta di rinvio a giudizio. Che potrebbe arrivare mentre il campione sarà a Parigi per difendere le medaglie d’oro vinte a Tokyo.

Leggi anche: