Brexit: dalla Guerra Fredda un piano per salvare la Regina

In caso di accordo «no deal» per l’uscita dall’Ue, la Gran Bretagna si prepara ai disordini ricorrendo alle inventive del passato

Riesumare i piani di emergenza della Guerra Fredda per trasferire la famiglia reale in caso di disordini a Londra se la Gran Bretagna subisse disordini e tensioni per l'uscita dall'Unione europea. Questo è quanto riferisce il Sunday Times nell'eventualità di una Brexit con «no deal». Il piano è ispirato ad interventi elaborati durante la Guerra Fredda e rispolverati nelle ultime settimane. 

Brexit: dalla Guerra Fredda un piano per salvare la Regina foto 1

«Questi piani di evacuazione di emergenza sono in atto dalla guerra fredda, ma sono stati ora riproposti in caso di disordini civili in seguito a una Brexit senza accordo», ha detto il Sunday Times citando una fonte anonima del Gabinetto del governo, che gestisce problemi amministrativi. C'è poi il Mail on Sunday che ha riferito di aver appreso dei piani per trasferire la famiglia reale, inclusa la regina Elisabetta, in luoghi sicuri lontani da Londra. Jacob Rees-Mogg , un deputato conservatore e appassionato sostenitore della Brexit, ha detto al Mail  che credeva che i piani mostrassero panico inutile da parte di funzionari per una Brexit senza accordo mentre i reali maggiori erano rimasti a Londra durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Ma il Sunday Times ha detto che un ex poliziotto precedentemente incaricato della protezione reale, Dai Davies, si aspettava che la regina Elisabetta sarebbe stata trasferita da Londra se ci fossero stati disordini. «Se ci fossero problemi a Londra, chiaramente elimineresti la famiglia reale da quei siti chiave», ha detto Davies.

La premier britannica May in un intervento sul Sunday Telegraph si dice «determinata» a rispettare i tempi della Brexit. E chiede il sostegno del leader Labour Corbyn nell'insistere sulla necessità che l'Ue offra concessioni sull'accordo, perché quella in corso è «una battaglia per la Gran Bretagna».

Leggi anche