Il Movimento 5 Stelle porta in Parlamento una legge contro il revenge porn

di Giada Ferraglioni

La proposta è stata depositata in Senato dalla senatrice 5 stelle Elvira Lucia Evangelista. Il testo ha molti punti in comune con l’iniziativa promossa da Insieme in Rete, Bossy e Sentinelli di Milano

La senatrice 5 stelle Elvira Lucia Evangelista ha depositato in Senato una proposta di legge contro il revenge porn, la condivisione non consensuale di materiale intimo (foto o video). Il testo riprende la bozza presentata da tre realtà – l'associazione Insieme in Rete, la rivista Bossy  e Sentinelli di Milano, che negli ultimi mesi si sono impegnate per colmare questo vuoto legislativo, presentando una petizione intitolata #intimitàviolata.

La proposta di legge si può trovare ora sulla piattaforma Rousseau, dopo esser stata sottoscritta da diversi deputati 5 Stelle e depositata a Palazzo Madama. La prima ad aver sostenuto l'iniziativa era stata Laura Boldrini, che a dicembre aveva annunciato l'apertura di un tavolo bipartisan proprio a partire dalla proposta di Insieme in Rete.

Silvia Semenzin, una portavoce dell'associazione, aveva spiegato a Open che intervenire contro questo tipo di abusi è fondamentale: «Com'è possibile – si era chiesta – che in Italia non esista una legge che identifichi come reato comportamenti come questi?».

UN SORRISO A 100000 DENTI PER LE VOSTRE 100000 FIRME! GRAZIE ❤️ continuate a firmare la nostra petizione…

Posted by Silvia Semenzin on Thursday, November 29, 2018

La proposta 5 stelle prevede una pena da 1 a 12 anni e una multa da 927 a 80.000 euro. Il Movimento ricorda che «la finalità (della legge, ndr) è quella di educare a un uso consapevole di Internet e dei social network», come aveva ricordato anche Insieme in Rete in tempi recenti: «La legge è necessaria per reprimere il reato quando avviene, ma per prevenirlo serve educazione civica e di genere».

La proposta del Governo mira a colpire non solo chi pubblica immagini o video privati, ma anche chi li diffonde («per molti è paragonabile a una vera e propria violenza sessuale») e prevede delle aggravanti «in ragione del rapporto esistente tra autore e vittima».