«La mamma cucina, il papà lavora»: la polemica sull’esercizio sessista a scuola non è una novità

di Redazione

L’esercizio presente su un libro scolastico per bambini crea polemica sulla disparità di genere. Tuttavia, si tratterebbe di un esercizio che già esisteva negli anni scorsi

«Da non credere. Libro di seconda elementare» queste le parole che accompagnano il post in cui un utente ha pubblicato su Facebook la foto di un esercizio su un non specificato libro di testo per bambini delle scuole elementari.

«La mamma cucina, il papà lavora»: la polemica sull'esercizio sessista a scuola non è una novità foto 1

Le istruzioni sono semplici: «Cancella il verbo che non è adatto». Le opzioni possibili, però, hanno fatto storcere il naso a molti. Secondo gli autori del testo, infatti, eliminando le possibilità palesemente più astruse, la mamma cucina e stira, mentre il papà lavora e legge. L'immagine ha suscitato numerose polemiche.

Da non credere. Libro di seconda elementare

Posted by Stefania Bariatti on Monday, February 25, 2019

Nei commenti al post in molti si dimostrano amareggiati e sconcertati dall’esempio proposto ai bambini: «Siamo sempre al solito punto», «Ma no! Ma non se ne può più. Cribbio siamo nel 2019. Ancora libri così stereotipati?!? Ma basta. Scriviamo all'editore». Altri ancora: «Il condizionamento deve cominciare da piccoli, altrimenti è inefficace. D’altra parte ai bambini vanno proposti esempi tratti dalla vita reale. E se è il papà ad essere disoccupato?». Altri utenti ancora invece ironizzano amaramente: «Basta invertire due verbi tra papà e mamma e il gioco è fatto. Però sto pensando a mio marito: non so tra lo stirare e il cucinare cosa gli piacerebbe di più fare», o ancora: «Ma no, la mamma tramonta: tramonta l'idea tradizionale della mamma dedita ai lavori di casa. Fa****o al patriarcato».

«La mamma cucina, il papà lavora»: la polemica sull'esercizio sessista a scuola non è una novità foto 3

Cercando di risalire alla fonte primaria dell'immagine, è emerso che quella foto non è un contenuto realizzato da fonte primaria e diretta. La stessa immagine era infatti già stata condivisa su Twitter nel novembre 2018 da una utente, che scriveva: «Signor Ministro @bussetti_marco, chi controlla e approva i testi delle scuole elementari? È possibile che nessuno si accorga di un esercizio grammaticale subsolamente sessista? Casualmente la mamma stira e cucina mentre il papà lavora e legge? A.S. 2018 #ministerodellistruzione».

https://twitter.com/statuses/1061973763141570560

È probabile che l'a foto sia circolata nelle chat di diversi genitori e che qualcuno abbia pensato di pubblicarla in modo bonario per denunciarne i contenuti. Esiste però ancora un altro precedente, che risale al 7 ottobre 2018, pubblicato sul blog ilsessismoneilinguaggi, in cui le opzioni sono molto simili rispetto al caso illustrato sopra:

La mamma – cucina – stira – tramonta

Il sole – illumina – gela – sorge

Il cavallo – canta – corre – nitrisce

L’acqua – scorre – lava – dorme

«La mamma cucina, il papà lavora»: la polemica sull'esercizio sessista a scuola non è una novità foto 2

L’esercizio in questione risulta quindi esser già stato pubblicato in passato in un’altra edizione del libro o in un volume di un’altra pubblicazione. Nella versione che circola attualmente sono state infatti aggiunte due stringhe con due nuovi esercizi:

Lo scoiattolo – vola – salta – rosicchia

Il papà – lavora – legge – gracida

Questa tipologia di esercizi nei testi scolastici dei bambini non rappresenta comunque un caso isolato. Nel dicembre 2017, infatti, fece clamore La vacanza dei verbi, una canzoncina contenuta nel libro I verbi canterini, edito da MelaMusic, che recitava:

La mamma lava, stira, cucina mentre canticchia una canzoncina,

il babbo invece gioca a pallone, fuma la pipa il nonno Gastone.

Il fatto che questa tipologia di compiti sia diffusa nei testi scolastici è confermato anche dall’Unesco che già nel lontano 1986 metteva in luce il problema degli stereotipi di genere nella letteratura giovanile e nei libri di scuola. La pubblicazione del libro Down with stereotypes! Eliminating sexism from children's literature and school textbooks (Abbasso gli stereotipi! Eliminare il sessismo dalla letteratura per ragazzi e dai libri di testo scolastici), ne è una conferma.