«Il diploma non basta per entrare nelle graduatorie a esaurimento»: il Consiglio di Stato respinge ricorso degli insegnanti

Secondo la sentenza del Consiglio di Stato del 27 febbraio 2019, «Il possesso del solo diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002 non costituisce titolo sufficiente per l’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo»

È ancora un «no» per gli insegnanti in possesso di un diploma magistrale conseguito entro il 2001/2002: i loro ricorsi per entrare nelle Graduatorie a esaurimento (Gae) del Ministero dell'Istruzione, le uniche che consentono l'assunzione in ruolo, non sono ricevibili. Per essere assunti, si legge nella sentenza dell'Adunanza plenaria del Consiglio di Stato, «Il possesso del solo diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002 non costituisce titolo sufficiente».


Il titolo magistrale, dunque, non ha valore abilitante: per quegli insegnanti l'unica via di accesso al ruolo resta superare il concorso straordinario (e poi quello ordinario). Probabilmente i docenti interessati ricorreranno alla Corte di Cassazione. I diplomati magistrali continuano ad avere accesso alle Graduatorie d'istituto, ovvero le liste dalle quali le scuole possono attingere per le supplenze brevi e annuali.

Leggi anche