Il giallo del patrocinio della presidenza del Consiglio al Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona

di OPEN

Continuano le polemiche sull’evento dedicato alla famiglia che si terrà a Verona a fine marzo. Palazzo Chigi ha smentito il patrocinio, sul sito del congresso il logo della Presidenza del Consiglio sparisce dopo qualche ora. Ma al ministero della Famiglia non risulta alcuna richiesta di revoca 

Manca poco al 13° Congresso Mondiale delle Famiglie che si terrà a Verona dal 29 al 31 marzo. L'evento vedrà la partecipazione di associazioni anti-abortiste, anti-femministe e anti-divorziste: in qualità di relatori interverranno anche il ministro degli Interni Salvini e il ministro della Famiglia Fontana. Il congresso ha già attirato molto critiche, ma quello che continua a infiammare il dibattito è il presunto patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Lo stop di Spadafora

Secondo il deputato 5 stelle Vincenzo Spadafora, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega ai giovani e alle pari opportunità, il patrocinio sarebbe stato firmato dal capo di gabinetto del ministro Fontana, senza seguire la normale procedura per ottenere l'autorizzazione ufficiale della presidenza del Consiglio. 

Il giallo del patrocinio della presidenza del Consiglio al Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona foto 2

Il patrocinio della presidenza del Consiglio

ll deputato pentastellato, ha preso le distanze dal Congresso di Verona. Con lui Stefano Buffagni, sottosegretario con delega agli Affari Regionali e Autonomi: «C'è stato un tempo in cui le donne più emancipate e gli omosessuali venivano bruciati sui roghi. Pare qualcuno abbia nostalgia di quel periodo oscuro. Non io!», ha scritto.

La smentita della presidenza del Consiglio

In una nota pubblicata il 2 marzo, Palazzo Chigi aveva fatto sapere che «la Presidenza del Consiglio non ha mai ricevuto nessuna richiesta di patrocinio per il World Congress of Families, in programma a fine marzo a Verona, né quindi ha potuto mai concederlo», ma sul sito dell'evento continua a essere presente il logo del Consiglio dei ministri, accompagnato dalla scritta «Ministero della famiglia». Dopo qualche ora il logo scompare dal sito del Congresso. 

Il giallo del patrocinio della presidenza del Consiglio al Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona foto 3

 Tra i patrocini non compare più quello della presidenza del Consiglio

«Il logo genericamente superiore»

Alla richiesta di chiarimenti, Jacopo Coghe, vice presidente del tredicesimo Congresso Mondiale delle Famiglie, ha spiegato che Lorenzo Fontana può patrocinare eventi in qualità di ministro della Famiglia, ma non può concedere il logo perché il suo ministero è senza portafoglio: «Per questo abbiamo usato il logo gerarchicamente superiore, quello della presidenza del Consiglio. Nessuno – continua Coghe - ha mai vantato il patrocinio della Presidenza del Consiglio. Queste sono solo polemiche strumentali».

Il giallo del patrocinio della presidenza del Consiglio al Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona foto 1

 La locandina del Congresso

Il giallo

Ma nella vicenda, che pare un nuovo capitolo della contrapposizione fra gli alleati di governo, si apre un giallo. Sono infatti fonti del ministero della salute a riferire che al «consiglio al World Congress of Families di Verona non risulta nessuna revoca» del Patrocinio della presidenza del Consiglio dei ministri.  Le stesse fonti, inoltre, fanno trapelare che è «spiacevole» che questa notizia «emerga mentre il ministro Lorenzo Fontana e il Dipartimento Famiglia sono in viaggio per New York per un evento all'Onu sul tema della conciliazione dei tempi famiglia-lavoro».