Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Siri, l’uomo della flat tax leghista, indagato per corruzione

Avrebbe intrattenuto rapporti con un imprenditore da tempo monitorato dalla direzione distrettuale antimafia

Il senatore leghista e sottosegretario di Stato per le Infrastrutture, Armando Siri, è indagato per corruzione dalla procura di Roma insieme ad altre 9 persone. Secondo l’accusa, avrebbe preso delle tangenti per cambiare una norma del Def 2018, favorendo l’erogazione dei contributi per le imprese che operano nelle energie rinnovabili. La norma in questione non è mai stata approvata.


Il soldi sarebbero arrivati a Siri da Vito Nicastri, imprenditore di Trapani attivo nel settore dell’energia eolica, e considerato un prestanome del boss latitante Matteo Messina Denaro. Il sottosegretario, però, non avrebbe avuto rapporti direttamente con lui. A fare da tramite, secondo l’accusa, sarebbe stato l’ex deputato di Forza Italia Paolo Arata, responsabile del programma della Lega sull’energia. Siri, inoltre, non sarebbe stato a conoscenza del fatto che Arata era in contatto con Nicastri.


Questa mattina – 18 aprile – ci sono state diverse perquisizioni a Roma e a Palermo, negli uffici dell’assessorato all’Energia della Regione Sicilia. L’inchiesta è condotta dai pm Mario Palazzi (a Roma) e dal magistrato Gianluca De Leo (a Palermo). Alle 11 la procura di Roma ha convocato una conferenza stampa, nella quale saranno diffusi maggiori dettagli.

Chi è Armando Siri

Genovese, 47 anni. In passato, il sottosegretario ha patteggiato una condanna a 4 anni per bancarotta. Oltre a essere il consigliere economico di Salvini, è il principale promotore della flat tax. Di lui si è occupato recentemente anche il programma di inchiesta Report che ha dedicato una puntata ai corsi di formazione politica dell’università della Lega.

«Con 590 euro e 6 domeniche – scrivono i giornalisti di Report – [la Lega] promette di formare il politico perfetto. In cattedra docenti di tutto rispetto; apre e chiude i corsi Matteo Salvini; le quote, però, non vanno al partito, ma a un’associazione legata al sottosegretario ai trasporti Armando Siri e fondata tra gli altra da una massaggiatrice e una chiropratica».

Leggi anche: