Bruciata a Milano la corona in memoria del partigiano Carlo Ciocca. Ma l’Anpi rimedia subito

di Redazione
Bruciata a Milano la corona in memoria del partigiano Carlo Ciocca. Ma l'Anpi rimedia subito

Nel quartiere Stadera, nella notte, qualcuno ha appiccato il fuoco con un accendino. Nella stessa strada c’è una sede di Forza Nuova

A Milano nel quartiere Stadera, e precisamente in via Palmieri, la corona di fiori posta accanto alla lapide di Carlo Ciocca -uno dei molti partigiani che hanno contribuito alla Liberazione -  è stata incendiata. Nessun danno ingente, eccezion fatta per il muro sottostante la corona e la lapide. Secondo le forze dell'ordine, ad appiccare il fuoco sarebbe stato un solo soggetto, con un accendino.

https://twitter.com/statuses/1121357323035914240

Ad assistere al fattaccio, due testimoni che si sono poi affrettati a spegnere l'incendio. Ma già in mattinata l'Anpi è riuscita a ripristinare tutto. Ha organizzato una cerimonia e ha deposto una nuova corona con la scritta: «Tranquillo Carlo, ci pensiamo noi».  Nella stessa via, tra l'altro, ospitata in uno stabile di proprietà dell'Aler – l'Azienda Lombarda Edilizia Residenziale -, si trova una delle sedi di Forza Nuova Dettaglio non da poco visto che, in passato, la strada è stata teatro di tensioni.