Enrico Mentana incontra Mahmood: gli scenari dell’informazione del futuro, tra nuovi media e good vibes

«Dieci anni fa tu non avresti mai pensato di fare una canzone come Soldi. Questo è il bello del futuro quando si è giovani: sapere che c’è ma non dover pensare come sarà». Il dialogo tra il giornalista e il cantante diventa uno show transgenerazionale

Mettetevi comodi, sollevate la tazzina e godetevi in anteprima la puntata di Basement Cafèdi Esse Magazine. Nel salotto dello scrittore Antonio Dikele Distefano, si sono incontrati Mahmood, neovincitore di Sanremo, e l’editore di Open, Enrico Mentana. Al centro del dibattito il mondo dell’informazione, tranuovi media e comunicazione, nell’Italia di oggi.

«È giusto considerare quello che è Alessandro Mahmoud -dice Mentana – ​​il figlio legittimo di Milano, una città che è sempre stata accogliente. La questione di fondo è che se l’Italia fosse stata come Milano negli anni del boom, molti problemi non si porrebbero».

«Io sinceramente preferisco non essere un simbolo politico. Se mai dovessi sentirmi rappresentate di qualcuno o di qualcosa preferirei sentirmi un rappresentante dei giovani che, come me, fanno fatica ad aprirsi una strada per il futuro», aggiunge Mahmood.

Il dialogo tra i due protagonisti dello show di Distefanoè anche un cortocircuito generazionale: due prospettive diverse che, parlandosi, mostrano più similitudini che differenze.«Dieci anni fa tu non avresti mai pensato di fare una canzone come Soldi, – aggiunge Mentana –questo è il bello del futuro quando si è giovani: sapere che c’è ma non dover pensare come sarà».

Ma c’è spazio anche per qualche consiglio: «Sono sempre stato attento a coltivarmi professionalmente: l’unico modo possibile è essere curiosi di tutto. Se sei curioso, il mondo è tuo».

In questa seconda stagione di Basement Cafè, accanto alle classiche puntate del format in cui i rapper si raccontano senza filtri e censure, ci saranno tre speciali. I tre temi scelti sono l’informazione, l’ambiente e la creatività.

Oggi è il giorno del primo speciale, quello sull’informazione: sulle poltrone di Distefano sono seduti Mahmood e Mentana. Per l’ambiente gli ospiti saranno il rapper Rancore e lo scienziato Stefano Mancuso. Per la creatività, il dialogo vedrà protagonisti il rapper Kaos e il disegnatore Zero Calcare.

Basement Cafè è una serie, creata per YouTube, che ha scelto di andare oltre il tabù della brevità su Internet, proponendo episodi lunghi in cui i cantanti spaziano dalla musica all’attualità.Scelto da Google come uno dei case history più interessanti del 2018, le prime 11 puntate del format hanno raggiunto circa 10 milioni di visualizzazioni.

Leggi anche: