«Cacciate subito il Palermo dalla serie B». L’appello al Coni di 9 società

di Redazione

Alcune squadre di serie B hanno presentato un esposto alla Procura federale affinché si decida al più presto sulla retrocessione in C dei rosanero

Continua a tenere il banco il caso del Palermo. Dopo il deferimento della Procura Federale per presunti «falsi in bilancio negli ultimi tre esercizi», i rosanero rischiano fino a una retrocessione in serie C. Nove club di serie B (Benevento, Carpi, Cremonese, Lecce, Padova, Perugia, Pescara, Venezia e Verona) hanno quindi chiesto chiarezza presentando un esposto a presidente e Procura di Coni e Figc chiedendo un giudizio immediato di esclusione dal campionato del Palermo. 

I club chiedono subito un giudizio «per salvaguardare la regolarità dei campionati e fornire un ristoro a club pregiudicati dall'illegittima partecipazione del Palermo ai tre campionati a cui si è iscritto fraudolentemente».

Secondo gli estensori dell'esposto, nel caso del Palermo «la gravità dei comportamenti, la ripetitività e la sistematicità degli stessi, l'elemento soggettivo del dolo chiaramente sussistente non potranno che condurre all'applicazione delle sanzioni previste, cioè la retrocessione all'ultimo posto del campionato di competenza ovvero l'esclusione dal campionato».

«Una simile situazione» – prosegue la nota dei ricorrenti – «per anni ha alterato i massimi campionati nazionali vedendo un club parteciparvi senza averne diritto, merita di essere adeguatamente sanzionata», così da fornire anche «parziale ristoro ai club rispettosi delle regole».

Secondo i nove club, il doping amministrativo ormai ha raggiunto livelli di pericolosità e idoneità alle alterazioni delle competizioni ben superiori all'illecito sportivo: «comportamenti come quello posto in essere dai legali rappresentanti del Palermo sono idonei a falsare un intero campionato come se in ogni partita vi siano tentativi di alterazione».

La situazione dei rosanero preoccupa soprattutto quei club interessati ai playoff della serie cadetta. Se la decisione sulla squadra siciliana arrivasse dopo l'ultimatum, previsto per il dieci maggio, c'è il rischio che i risultati dei play off vengano alterati. Con le regole attuali, si legge sulla Gazzettase il Palermo dovesse conquistare la promozione in Serie A, un’eventuale esclusione sarebbe a beneficio della terzultima della massima serie. Le squadre hanno addirittura minacciato un boicottaggio dei play off e dei play out in attesa di sapere dalla Procura se la loro richiesta verrà accolta.