Servizio Rai su commemorazione a Predappio, si dimette il caporedattore del Tgr Emilia-Romagna

di Redazione

Antonio Farnè ha rimesso il suo mandato dopo il clamore nazionale. Nel servizio, andato in onda il 28 aprile,  saluti romani, commemorazioni fasciste e interventi di militanti

«Antonio Farnè resta a disposizione del direttore Alessandro Casarin per un nuovo incarico nell'ambito del Tgr», chiude così la nota con la comunicazione delle dimissioni del caporedattore responsabile del tg regionale dell'Emilia-Romagna. Decisione che è stata accolta dal direttore. Cade così la prima – e per ora l'unica – testa per il discusso servizio sui nostalgici di Predappio, andato in onda due volte il 28 aprile.

Nel lavoro vengono mostrati, senza contraddittorio, saluti romani, commemorazioni fasciste e interventi di militanti: dall'ausiliaria repubblichina novantenne alla nipote del dittatore Edda Negri Mussolini. L'autore è Paolo Pini e nell'edizione delle 19.30 il servizio è preceduto dal lancio in studio di Anna Maria Cremonini,

Servizio Rai su commemorazione a Predappio, si dimette il caporedattore del Tgr Emilia-Romagna foto 1

ANSA | Immagini dal servizio

Dopo la denuncia del deputato Pd Michele Anzaldi, segretario della commissione di vigilanza Rai, e il conseguente clamore nazionale, è iniziato una sorta di scaricabarile: il comitato di redazione che prende le distanze, l'ad Fabrizio Salini che apre un'indagine, il direttore che dichiara che il servizio «non corrisponde alla linea editoriale».

Oggi paga Farné, che sarà sostituito da Ines Maggiolini, già caporedattrice Tgr, attualmente è vicedirettrice con delega sulle redazioni Emilia Romagna e Sardegna, finché non verrà individuato il nuovo responsabile.