Buffagni: «Fontana? Gli auguro di essere innocente. Ma in Lombardia qualcuno ha sbagliato»

Il sottosegretario M5S, ex consigliere regionale al Pirellone, ha commentato le recenti inchieste della procura di Milano prima di partecipare al convegno “Gli stati generali dei commercialisti” dove ha risposto alle critiche della platea per «l’assenza del governo»

«Auguro al presidente Fontana di essere innocente» ha detto Stefano Buffagni, ex consigliere regionale in Lombardia e attuale sottosegretario M5S.

Lunedì il governatore leghista sarà sentito dai pm: è indagato per abuso d'ufficio perché avrebbe proposto Luca Marsico (suo socio nello studio legale) per un incarico in Regione Lombardia, nonostante fosse stato lanciatoun avviso pubblico, aperto anche ad altri candidati.

«Se ha proposto un uomo di sua fiducia e poteva farlo, secondo lalegge, ha fatto bene – dice Buffagni -.Ma in Lombardia qualcuno ha sbagliato e chi prende soldi sulle spalle dei cittadini, va combattuto».

Il sottosegretario prova ad abbassare i toni rispetto alla polemica in corso tra Lega e 5 Stelle, con Salvini che vorrebbe chiudere tutti i negozi di cannabis legale e far ritirare la proposta M5Sper la legalizzazione delle droghe leggere: «Non c'è concorrenza tra lotta alla corruzione e lotta allo spaccio di droga. La priorità è la legalità», ha spiegato il sottosegretario prima di intervenire al convegno "Gli stati generali dei commercialisti'.

Qui, la platea ha rumoreggiato quando ha detto: «Vorrei chiarire che pensavo di venire qui a un incontro tecnico tra colleghi (Buffagni è commercialista, ndr) e non pensavo di partecipare a un evento da campagna elettorale».