Ben Shapiro attacca Ocasio-Cortez sull’aborto, gli utenti Twitter la difendono

Ben Shapiro, commentatore politico conservatore, ha voluto spiegare alla parlamentare l’«Heartbeat Bill», una nuova legge approvata in Georgia sull’interruzione di gravidanza. Ma gli utenti non glielo hanno permesso

Il governatore dello stato americano della Georgia, Brian Kemp, ha firmato una nuova legge che vieta l'aborto nei casi in cui il feto ha sei o più settimane di vita. Periodo sufficiente perché si sviluppi il battito cardiaco. Il testo è stato chiamato infattiHeartbeat Bill, cioè «Legge sul battito del cuore». I critici della nuova norma evidenziano però come si tratti di un periodo piuttosto breve, una arco di tempo in cui la donna potrebbe non rendersi nemmeno conto di essere incinta.

Tra questi, Alexandria Ocasio-Cortez,la ventinovenne eletta al Congresso statunitense il 6 novembre 2018. La stella nascente del Partito Democratico ha spiegato su Twitter che la legge è in realtà un divieto di abortire travestito da limitazione temporale. «Essere incinta di sei settimanesignifica essere due settimane in ritardo con ilciclo» spiega Ocasio-Cortez, e aggiunge: «L'unica cosa che la maggior parte degli uomini autori di queste leggi conoscono del corpo delle donne è ciò che interessa a loro. È relativamente comune per una donna avere il ciclo in ritardo senza essere incinta».

https://twitter.com/statuses/1125980728976715776

Il ciclo, spiega Ocasio-Cortez, può essere ritardato per svariate ragioni: nel caso in cuila donna abbia subito un abuso sessuale, nel caso in cui abbia preso la pillola del giorno dopo o se semplicemente ha il ciclo irregolare. Per ognuna di queste opzioni una donna potrebbe non avere idea di essere incinta prima che trascorrano sei settimane. «Questa legge ignora la biologia basilare in migliaia di modi», commenta la deputata.

Senza essere interpellato, il commentatore conservatore Ben Shapiro rispondea Ocasio-Cortez, spiegandole che la legge non è un «divieto mascherato» ma una restrizione del periodo in cui una donna può abortire. «Il fatto che per te un embrione di sei settimane sia soltanto un ciclo mancato è inquietante», afferma Shapiro, schierandosi contro il messaggio della parlamentare newyorkese.

https://twitter.com/statuses/1125991586192429056

Tim Wise, attivista antirazzista americano, interviene per spiegare a Shapiroche il messaggio diOcasio-Cortez significa invece che molte donne nonhannoidea di essere incinte alla sesta settimana:«questa legge nega di fatto alla maggior parte della popolazione femminilela possibilità interrompere la gravidanza».

L'avvocatessa Janet Johnson è più pragmatica, e risponde al commentatore affermando: «Se un giorno avrai il ciclo, mi importerà di sentire la tua opinione su questa faccenda». La giornalista Laurent Hough indica all'uomoche le donne hanno spesso aborti spontanei dopo 5,6, 8 settimane e credono che si tratti semplicemente di un ciclo pesante.

https://twitter.com/statuses/1126119552876728320

Chester Arthur fa notare a Shapiro che il «ciclo mancato» è effettivamente il modo più comune per una donna di rendersi conto di essere incinta. «Non c'è una luce rossa che si accende per informare le donne che sono in stato di gravidanza», esclama l'utente. Zuzanna Romanska gli spiega invece che le cliniche richiedono spesso un tempo di attesa prima di operare una donna per interrompere la gravidanza. «Devi essere ottuso di proposito per non capire che questo sia un divieto mascherato», afferma la donna.

Leggi anche