Insulti razzisti a un ragazzo di 13 anni durante una partita di basket. L’accusa dei genitori

«Sono la mamma di un ragazzino che oggi ha giocato un triangolare under 13. Mio figlio è stato adottato in Etiopia. È italiano dalla pelle nera. Vorrei ringraziare quei genitori che dagli spalti gli hanno urlato “negro di merda”. Complimenti», ha scritto la mamma su Facebook

 

«Lo sapevo. Me lo aspettavo. Lo temevo. È successo. Un bel pomeriggio di sport, un torneo di basket tra ragazzini di 13 anni e i genitori dagli spalti urlano “negro di merda” a mio figlio. Non ho parole e, quel che è peggio, non ne ho neanche da dire a lui». Il dolore Rita A. l’ha raccontato in un post di Facebook, lanciando un appello ai suoi contatti per far conoscere questa storia. Perché le brutte vicende possono servire anche a questo: i genitori, il loro esempio, sono i pilastri dell’educazione e non si possono commettere certi errori.

Succede a Milano, durante un torneo triangolare. Le partite si svolgono tra tre squadre da Basket della categoria under 13. A un certo punto, il figlio di Rita viene preso di mira dagli insulti: dagli spalti si sente gridare «Negro di merda». E la mamma non sa davvero cosa dire a suo figlio.

Lancia questo messaggio sulla pagina della società sportiva: «Buongiorno. Sono la mamma di un ragazzino che oggi ha giocato un triangolare under 13. Mio figlio è stato adottato in Etiopia. È italiano dalla pelle nera. Vorrei ringraziare quei GENITORI che dagli spalti gli hanno urlato NEGRO DI MERDA. Complimenti. Evviva lo sport».

La società ha risposto alla donna dando tutta la sua disponibilità per risolvere la questione. È la stessa mamma a comunicarlo in un commento al post: «Adesso la società contatta le altre due (era un triangolare) e chiede scuse formali. Meno male che abbiamo un allenatore stupendo che già al.prossimo allenamento gli parlerà con calma e gli dirà che cosa intende fare»

Leggi anche: