Da Berlusconi a Florino (CasaPound), chi sono gli «impresentabili» alle europee per l’Antimafia

Per la Commissione parlamentare antimafia, sono cinque i candidati italiani «non conformi» per la tornata elettorale del 26 maggio

Cinque candidati impresentabili, quattro di Forza Italia e uno di CasaPound: la Commissione parlamentare antimafia, a pochi giorni dalle elezioni europee, ha dichiarato «non conforme» la partecipazione alla tornata elettorale di Silvio Berlusconi, Pietro Tatarella, Giovanni Paolo Bernini, Salvatore Cicu e Emmanuela Florino.

A ognuno i suoi reati e le sue prescrizioni: alla nota della Commissione, il leader di Forza Italia ha risposto durante la trasmissione Diritto e rovescio, su Rete 4. «Io impresentabile? Ho preso 200 milioni di voti nel corso della mia carriera politica e altri milioni ne prenderò».

Silvio Berlusconi

Il presidente di Forza Italia respinge le accuse: «Nel processo Rubi 1 sono stato assolto con formula piena». E aggiunge: «Io fatto favori alla mafia? Non c’è governo che abbia fatto di più dei miei contro la mafia. Nei miei governi sono stati catturati e messi in galera 32 dei 34 latitanti più ricercati e sono stati sequestrati beni mafiosi per 25 miliardi».

Pietro Tatarella

Il codice di autoregolamentazione valuta l’idoneità delle candidature in base al trascorso giuridico dei soggetti rinviati a giudizio o con dibattimento ancora in corso. Pietro Tatarella di Forza Italia, attualmente in carcere, è coinvolto nell’inchiesta sulla nuova tangentopoli milanese.

Giovanni Paolo Bernini

Candidato nella circoscrizione Centro, il forzista è stato condannato a marzo dal tribunale di Bologna per corruzione e atto contrario a doveri d’ufficio. Il reato di induzione indebita a dare o promettere utilità di cui era accusato Bernini è caduto in prescrizione.

Salvatore Cicu

Già parlamentare europeo, il palermitano è candidato nella circoscrizione Sicilia-Sardegna con Forza Italia. Ha una lunga carriera politica alle spalle: dal 1994 al 2014 è sempre stato un membro della Camera e, dal 2014, è un deputato dell’europarlamento. Cicu è imputato per riciclaggio e il dibattimento è ancora in corso.

Emmanuela Florino

È l’unica della lista non appartenente al partito di Silvio Berlusconi. candidata con CasaPound Italia, per lei i capi d’accusa sono di tutt’altra natura: è imputata per associazioni sovversive e banda armata, ma il dibattimento è ancora in corso.