Fico contro il voto su Rousseau: «Non è mai una questione di fiducia a un uomo in base all’umore»

«Sono sempre stato contrario alla politica che si identifica in una sola persona», scrive il presidente della Camera

«Ho subito detto di non essere d’accordo con il lancio della votazione di oggi su Rousseau. E per questo non parteciperò al voto». Sono le parole che presidente della Camera Roberto Fico affida a un lungo post pubblicato sulla sua bacheca Facebook rispetto alle consultazioni online sulla piattaforma Rousseau per confermare o meno la fiducia al capo politico del M5S Luigi Di Maio dopo il risultato «deludente» registrato alle elezioni europee.

«Sono sempre stato contrario alla politica che si identifica in una sola persona – scrive Fico -. Se il focus resta sulla fiducia da accordare o meno a una figura, e non sui tanti cambiamenti che invece, insieme, occorre porre in essere, non ci potrà essere alcuna evoluzione. Significa non cambiare niente».

Nel post, l’esponente M5s spiega il suo intervento di ieri, 29 maggio, durante l’assemblea dei gruppi M5s: «Le linee politiche vanno definite in modo collegiale, senza rincorrere strategie comunicative e umori del momento. E solo dopo comunicare. In questo modo si riafferma l’importanza della politica su tutto il resto».

Sullo stesso tema