Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

C’è anche Slack nella black list delle app che Microsoft ha vietato ai suoi dipendenti

Un documento interno scoraggia i dipendenti dall’utilizzo di app prodotte dai competitor del gigante informatico, anche per tutelare i segreti aziendali

«Proibiti» o «scoraggiati». Sono le due categorie del documento interno che sta girando tra i dipendenti di Microsoft e fa riferimento a siti e app che i lavoratori del colosso di Redmond non possono utilizzare come mezzi per facilitare il lavoro in azienda. Non si tratta solo di non agevolare la concorrenza: il problema di Microsoft è che informazioni sul lavoro e dati sensibili scambiati tra i dipendenti potrebbero diventare dominio di società rivali.


«Proibiti» e «scoraggiati»

Il cappello introduttivo dell’elenco fa sì riferimento alla natura competitiva di alcuni servizi, ma un app o un sito vengono dichiarati «assolutamente vietati” solo per ragioni di privacy. L’elenco più stringente infatti cita più volte la sicurezza IT e la salvaguardia dei segreti aziendali di Microsoft come criterio principale per essere messi al bando tra i dipendenti.


L’elenco delle app

A darne notizia, il magazine di tecnologia GeekWire: la redazione è entrata in possesso del documento e ha chiesto un commento a Microsoft e a Slack, ma nessuna delle due aziende ha voluto rispondere. Ad ogni modo, nella categoria delle app «proibite» rientrano ad esempio il software Grammarly, un tool per la correzione ortografica dei testi, e l’antivirus Kaspersky. In quelle «scoraggiate», Amazon Web Services, Google Docs, PagerDuty e persino GitHub, un servizio di hosting per progetti software acquistato dalla stessa Microsoft nel 2018 per 7,5 miliardi di dollari.

Il caso Slack

Slack è un sistema avanzato di chat aziendale che consente la condivisione di file, l’archiviazione in cloud e molte funzioni per permettere ai colleghi dello stesso ambiente di lavoro di dialogare online. Nel documento riportato parzialmente da GeekWire si legge: «Le versioni Slack Free, Slack Standard e Slack Plus non forniscono i controlli necessari per proteggere adeguatamente la proprietà intellettuale di Microsoft».

E ancora: «I dipendenti che usano queste soluzioni dovrebbero trasferire la cronologia della chat e i file relativi alle attività di Microsoft nel software Microsoft Teams, il quale offre le stesse funzionalità, oltre alle applicazioni integrate di Office 365 e a funzionalità di chiamata e riunione – si legge. Prima di un invito: «Scoprite di più sulle funzionalità aggiuntive che Teams può fornire al tuo gruppo di lavoro. La versione Slack Enterprise Grid è conforme ai requisiti di sicurezza Microsoft; tuttavia, incoraggiamo l’uso di Microsoft Teams piuttosto che un software competitivo».

Continua a leggere su Open

Leggi anche: