Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La Croazia vuole entrare nell’Eurozona, già spedita una lettera all’Ue

Avviato il processo formale per l’adesione all’euro. Il prossimo appuntamento è il summit dei ministri delle finanze dell’eurogruppo previsto per lunedì

Addio alla kuna: la Croazia si prepara ad abbonare la sua “lira” a favore dell’euro. Secondo documenti ottenuti da Politico.eu, il ministero delle Finanze e la banca centrale croata avrebbero inviato una lettera all’attuale presidente della Banca centrale europea Mario Draghi e al Commissario Valdis Dombrovskis per avviare – ufficialmente – la procedura di adesione.


Adesso dovrebbe partire quindi un periodo di scrutinio da parte delle istituzioni europee di una durata di circa due anni: periodo in cui la Banca centrale europea, prossimamente sotto la direzione di Christine Lagarde, si occuperà di fissare i tassi d’interesse e di gestire le politiche monetarie del Paese.


La Croazia dovrà inoltre soddisfare una serie di requisiti entro il 2020, tra cui ci sono alcuni obblighi legati alla raccolta e alla diffusione di statistiche ufficiali e l’introduzione di nuove misure anti-riciclaggio.

Paese membro dell’Unione europea dal 2013, la Croazia è il più recente tra i 28 stati (27 se escludiamo la Gran Bretagna) a entrare a fare parte dell’unione politica europea. Con una popolazione di circa 4,5 milioni di persone, non fa attualmente parte dell’area Schengen.

Il blocco europeo è il suo principale partner commerciale – circa il 66% dell’esportazioni e il 77% delle importazioni sono con o da altri Paesi membri – e riceve più soldi dall’Unione europea rispetto a quelli del budget federale (la differenza è di circa 0,3 miliardi di euro).

La richiesta croata di aderire ufficialmente all’euro rientra in un contesto più ampio che vede diversi Paesi balcanici – dall’Albania alla Bulgaria passando per la Macedonia del Nord – in attesa di vedere approvata la loro richiesta di adesione all’Unione politica o, come nel caso della Bulgaria, a quella monetaria.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: