Un uomo si è arrampicato sul Colosseo minacciando di buttarsi. Alla fine ha desistito – Il video

Pare che l’uomo stia protestando per le difficili condizioni lavorative dei venditori ambulanti a Roma

La mattina del 9 luglio, a Roma, un uomo è riuscito ad arrampicarsi indisturbato su un cornicione del Colosseo. In camicia bianca e pantaloncini di jeans, il signore, non ancora identificato, minacciava di buttarsi di sotto. Non sono ancora chiarissime le effettive ragioni del gesto. Da alcuni commenti dei passanti pare si tratti di un commerciante, o un venditore ambulante, salito sul Colosseo per protestare contro le condizioni di lavoro difficili. La folla radunatasi nei pressi del Colosseo ha intonato il coro “diritto al lavoro, diritto al lavoro”. Dopo circa un’ora di trattative con vigili del fuoco e uomini delle forze dell’ordine, l’uomo si è convinto ad abbandonare la pericolosa protesta.

Roma, uomo si arrampica sul Colosseo e minaccia di buttarsi di sotto

Posted by AGTW on Tuesday, July 9, 2019

L’uomo si è arrampicato sul secondo anello dell’Anfiteatro Flavio. Il dialogo con gli uomini delle forze dell’ordine è iniziato sin da subito. I vigili del fuoco hanno aperto in strada un materasso gonfiabile anti-caduta, ma l’uomo ha continuato a spostarsi per un’ora: non si è praticamente mai trovato in corrispondenza dello strumento per prevenire i danni delle cadute da grandi altezze. La zona è stata presidiate dalle forze dell’ordine e dai gruppi speciali Saf dei pompieri: la maggiore preoccupazione era data dall’atteggiamento nervoso dell’uomo, che non ha mai smesso di camminare avanti e indietro ma l’uomo continua a camminare avanti e indietro lungo il cornicione.

Protesta o tentativo di suicidio?

In un secondo momento si è delineata l’ipotesi che l’uomo non abbia mai avuto intenzione di suicidarsi. Sotto il Colosseo si era radunata una piccola folla di sostenitori che ha incitato l’uomo cantando cori per il lavoro. «Noi siamo perfettamente autorizzati», ha urlato l’uomo. Alcuni passanti dicono che si sia trattata di una protesta per la rimozione dei bar e furgoncini ambulanti nella zona dei Fori Imperiali e di tutta l’area archeologica del centro di Roma.

Chi è l’uomo che si è arrampicato sul Colosseo

Secondo quanto si è appreso, si tratta del titolare di un’agenzia di ‘salta fila’ per i turisti che vogliono visitare il monumento. A quanto reso noto dalla polizia locale, l’uomo si è arrampicato sul Colosseo per un’azione dimostrativa contro il nuovo regolamento di Polizia Urbana che era stato poco prima applicato a due “promotori turistici”.

I due erano stati sanzionati da una pattuglia della polizia locale del I Gruppo Centro con una sanzione di 400 euro ciascuno e l’applicazione del daspo urbano per 48 ore. Il 50enne già in passato si sarebbe arrampicato sul monumento minacciando di gettarsi nel vuoto. «Grazie a una lunga trattativa con alcuni agenti del Comando Generale, intervenuti sul posto insieme al Comandante del Corpo Antonio Di Maggio, è stato possibile farlo desistere dall’intento suicida», sottolinea la polizia locale in una nota.

La diretta video è di Agtw