Le foto dell’arsenale sequestrato ai neonazisti a Torino

Il blitz è scattato all’alba del 15 luglio in varie città del Nord Italia. Tre arresti

Fucili, mitra, munizioni, missili terra-aria in uso alle forze armate del Qatar, oggetti con richiami all’iconografia nazista. Questo l’arsenale sequestrato dalla Digos di Torino e che ha portato all’arresto di tre persone, tra cui spicca la figura di Fabio Del Bergiolo, ex ispettore doganale specializzato in antifrode, nonché militante di Forza Nuova ed ex candidato al Senato. 

Altri due uomini, Alessandro Michele Monti e Fabio Amalio Bernardi, sono stati fermati in quanto titolari dell’hangar di Rivanazzano Terme, nel Pavese, in cui è stato ritrovato un missile aria-aria di 250 kg e del valore di 500mila euro, oltre a due lanciarazzi che verranno esaminati dagli specialisti dell’esercito. All’operazione, coordinata dalla procura di Torino, hanno collaborato anche le Digos di Milano, Pavia, Varese, Novara e Forlì.

Leggi anche:

Leggi anche