Sondaggio Winpoll, la crisi di governo ha stufato proprio tutti (tranne il M5s): boom del partito del voto anticipato

La crisi di consensi pesa sulle scelte degli elettori grillini, unici a non volere le elezioni anticipate

È il partito di chi vuole il voto il prima possibile a crescere nei sondaggi secondo l’ultima rilevazione dell’istituto Winpoll pubblicata oggi 2 agosto dal Sole 24 ore. Un appello ad andare alle urne che arriva dal 72% degli elettori italiani, tranne quelli che dichiarano di votare il Movimento Cinque Stelle.

A fronte della crisi di governo che si affaccia a ogni scontro tra Lega e M5s, l’opzione di anticipare il voto sembra inevitabile innanzitutto per gli elettori di Pd e FI, che la chiedono per l’86%. Seguono quelli di Fratelli d’Italia all’82%, ma c’è anche la maggior parte degli elettori leghisti a volere le elezioni al più presto, visto che le chiedono il 58% di sostenitori del Carroccio.

Nettamente contrari a chiudere questa legislatura sono però gli elettori grillini, che per l’88% pensa che il governo Conte debba andare avanti. Una posizione che arriva in uno dei momenti più critici sotto il profilo dei consensi per il Movimento di Luigi Di Maio, che non va oltre il 14,8%, dopo aver perso quasi due punti percentuali rispetto alla rilevazione di Winpool di maggio scorso. Negli ultimi 60 giorni giorni, invece, la Lega ha guadagnato quasi tre punti, passando dal 36,3% al 38,9% di oggi.

Leggi anche: