Belgio, demolito un ponte medievale per facilitare il passaggio di navi commerciali

In passato era stata presentata una petizione cittadina che aveva raccolto circa 20 mila firme per porre fine all’intervento

Il cosiddetto “Ponte dei Fori” – una porta fluviale composta da tre arcate in stile gotico e due torrioni – realizzato alla fine al 1200 a Tournai, uno dei siti di maggior interesse storico del Belgio, è in via di demolizione sotto lo sguardo incredulo dei turisti.

Il motivo è meramente pratico-economico: la demolizione sta avendo luogo per facilitare la creazione di una rete trans-europea per scambi commerciali via mare. La proposta arriva direttamente dai dirigenti pubblici locali che hanno pensato di aumentare il volume commerciale fluviale fino a cinque milioni di tonnellate l’anno.

Per raggiungere l’obiettivo, sarà dunque necessario adeguare l’architettura della porta per poter permettere il passaggio di battelli da due mila tonnellate. La situazione odierna è ferma a una portata da 1.500 tonnellate. Alexandre Valèe responsabile della comunicazione della regione Vallonia ha affermato che la demolizione è «un intervento equilibrato, in linea con il contesto urbanistico della città».

E ha aggiunto che è «falso» affermare che si sta distruggendo un ponte medievale. In passato una petizione cittadina ,che aveva raccolto circa 20 mila firme, e un ricorso al Consiglio di stato belga avevano tentato di porre fine all’intervento di smantellamento, invano.

Leggi anche: