Google paga 170 milioni per aver violato la privacy dei bambini su YouTube

Google è accusato di aver raccolto dati dei minori senza il permesso dei genitori così da inondarli di pubblicità mirata

Google paga 170 milioni di dollari per risolvere il procedimento aperto dalla Federal Trade Commission contro YouTube, di proprietà del gigante di Mountain View. L’accusa? Aver violato la privacy degli utenti minorenni.

La Ftc, ovvero la Commissione federale del commercio, non è altro che un’agenzia governativa statunitense, nata nel 1914 allo scopo di tutelare i consumatori.

«Sanzione troppo bassa»

YouTube si impegna a rivedere il suo servizio ma l’accordo ha già ricevuto critiche: una sanzione troppo bassa per un colosso come Google, accusato di aver raccolto dati dei minori, tipo localizzazione, dispositivi utilizzati e numeri di telefono, senza il permesso dei genitori, così da inondarli di pubblicità ben mirata.

A pensarla così persino i commissari democratici dell Ftc, che ha firmato l’accordo: «Nessuna responsabilità individuale, rimedi insufficienti e una multa che consente in ogni caso alla società di realizzare profitti dall’aver infranto la legge» dice, critica, Rohit Chopra.

Insoddisfatte le associazioni a difesa della privacy secondo cui la sanzione sarebbe «irrilevante» visto che è come «essere fermati perché a 200 chilometri all’ora e ricevere solo un avvertimento dalla polizia».

In realtà, si tratta della multa più alta mai comminata dal Children Online Privacy Protection Rule.

Leggi anche: