Ecomafia, c’è una maxi discarica sotto alla stazione Tav di Afragola

Sotto la stazione “più bella del mondo”, ideata dalla celebre archistar Zaha Hadid (morta nel 2016) si nasconde una discarica abusiva ideata invece dalla Camorra

Si sospettava che potesse essere vero già due anni fa quando venne inaugurata la stazione di Alta velocità ad Afragola, in Campania, tra le rassicurazioni dell’amministratore delegato di Rete Ferroviaria italiana  Maurizio Gentile e i dubbi della Procura di Napoli. Adesso c’è la conferma: sono stati trovati ben 53 siti stoccaggio di rifiuti tombati nel sottosuolo.

La discarica abusiva

La notizia è stata confermata da Vito Felice Uricchio, direttore facente funzioni dell’Istituto di Ricerca sulle Acque (Irsa) del Cnr – Consiglio nazionale delle ricerche – durante un intervento all’11mo Forum Internazionale sull’Economia dei Rifiuti del consorzio Polieco, a Ischia, sulle tecniche per il rilevamento dei rifiuti plastici. I rifiuti sono dappertutto: sotto la stazione, sotto il parcheggio della stazione, nei campi circostanti. La prima discarica abusiva sotterranea ad essere stata scoperta era quella sepolta sotto al parcheggio ovest della stazione.

Guardatela dall’alto la stazione dell’alta velocità di Afragola, Napoli. Poggia in quella che una volta era la Campania…

Posted by Sandro Ruotolo on Saturday, September 21, 2019

Il caso

La procura di Napoli Nord, allora sotto la direzione di Francesco Greco, aveva aperto un fascicolo per gestione illecita di rifiuti e omessa bonifica nel 2017, chiedendo notizie alla Forestale su un sequestro giudiziario di rifiuti avvenuto dieci anni prima in quell’area, di cui però si era persa ogni traccia.

Il blitz della magistratura aveva avuto luogo a poche settimane dall’inaugurazione della stazione nel giugno del 2017. Erano stati effettuati dei carotaggi per analizzare la natura del terreno, per verificare non soltanto la presenza ma anche l’entità dei rifiuti.

Leggi anche: