La Cina festeggia i 70 anni della Repubblica con un’imponente parata militare. Il presidente Xi: «Nessuno può fermare il nostro popolo»

Per celebrare i 70 anni della Repubblica popolare cinese è stata organizzata la più grande parata militare di sempre

La Cina ha celebrato i 70 anni della nascita della Repubblica Popolare con un’imponente parata militare, organizzata in una blindatissima piazza Tienanmen, a Pechino, dove hanno sfilato oltre 15mila soldati, più di 500 mezzi militari, e 160 velivoli (tra aerei e droni).

La parata per le celebrazioni dei 70 anni della Repubblica Cinese / Ansa – Epa/Roman Pilipey

Nel corso della parata sono stati anche passati in rassegna alcuni modelli di missili ipersonici che, viaggiando 5 volte più veloce del suono, riescono a evitare di essere intercettati dai radar, nonché alcuni nuovi modelli di missili balistici intercontinentali, in grado di trasportare fino a dieci testate nucleari e di configurarsi come una potenziale minaccia per gli Stati Uniti.

I missili ipersonici Df-17 mostrati durante la parata per le celebrazioni dei 70 anni della Repubblica Cinese / Ansa – Epa/Roman Pilipey

Xi Jinping: «Nessuna forza può scuotere la nostra grande nazione»

Ad aprire le celebrazioni è stato il presidente Xi Jinping che con un accorato discorso si è rivolto alla popolazione cinese, mettendone in luce i fasti e la potenza, militare e non. 

«Nessuna forza può scuotere lo stato della nostra grande nazione, né fermare il popolo e la nazione cinesi dal marciare in avanti», ha detto il presidente Xi che indossava un tradizionale abito grigio maoista, identico a quello di Mao Zedong, il primo presidente della Repubblica popolare cinese.

Il presidente della Repubblica Cinese Xi Jinping durante le celebrazioni dei 70 anni della Repubblica Cinese / Ansa – Epa/Roman Pilipey

«La popolazione cinese – ha continuato il presidente Xi – negli ultimi 70 anni, ha raggiunto grandi conquiste che sbalordiscono il mondo intero, grazie a grandi sforzi concertati e alla vittoria di dure battaglie».

«Dobbiamo rimanere impegnati nella strategia di riunificazione pacifica e di un Paese. Continueremo a batterci per la completa riunificazione del nostro Paese», ha annunciato il presidente Xi, riferendosi ai fronti aperti con Hong Kong, Macao e Taiwan. 

«Sul viaggio davanti a noi dobbiamo tenere fermi i principi di “riunificazione pacifica” e “un Paese, due sistemi” – ha proseguito – creando prosperità e stabilità durature a Hong Kong e Macao, promuovendo lo sviluppo pacifico delle relazioni con gli altri Stati».

Sullo stesso tema: