Turchia, vietato il bestseller “Storie della buonanotte per bambine ribelli”: «È un libro porno»

Tradotto in 47 lingue, ha venduto milioni di copie in tutto il mondo. In Turchia non potrà neanche essere esposto sugli scaffali delle librerie: «Influenza dannosa»

Succede che nel 2019 un libro che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo venga invece messo al bando da uno Stato del Medioriente. Accade in Turchia dove Storie della buonanotte per bambine ribelli – bestseller rivolto alle più giovani, arrivato al secondo volume e tradotto in 47 lingue diverse – è stato vietato dal governo in quanto «pubblicazione oscena».

Per l’esecutivo turco, dunque, il libro va trattato come un porno, che potrebbe avere una «influenza dannosa» sulle e sui giovani, e per questa ragione deve essere vietata la vendita alle e ai minori di 18 anni. Così ha appunto deciso l’ente di Ankara per la protezione dei minori.

Il bestseller, scritto dalle italiane Elena Favilli e Francesca Cavallo, non potrà neanche essere esposto sugli scaffali delle librerie turche, lo stesso trattamento riservato al materiale ritenuto pornografico o comunque inadatto ai minori.

Sulla decisione del governo si è subito espressa l’associazione degli editori turchi secondo cui si tratta di una scelta che rappresenta «un pericolo per la libertà d’espressione e di stampa e una minaccia ai principi della società democratica».

Fonte immagine di copertina: Facebook

Leggi anche: