Johnson & Johnson sapeva degli effetti collaterali di uno psicofarmaco: multa da 8 miliardi

La multinazionale avrebbe taciuto il rischio di crescita di seno nei pazienti maschi

Maxi condanna per Johnson & Johnson. Un tribunale di Philadelphia ha stabilito che la multinazionale farmaceutica non avesse reso noto il fatto che il Risperdal, un suo psicofarmaco, possa provocare la crescita del seno nei pazienti maschi che lo assumono. E ha condannato la ditta a pagare 8 miliardi di dollari.

Dando ragione a Nicholas Murray, che aveva fatto causa alla Janssen Pharmaceuticals, società sussidiaria del gigante farmaceutico, la corte ha dato un importante segnale ad altre 10.000 persone che hanno portato la Johnson & Johnson in tribunale per casi simili.

Murray ha denunciato la multinazionale nel 2013 affermando che da quando aveva iniziato a usare il Risperdal nel 2003, all’età di 9 anni, gli era cresciuto il seno. Janssen era stata accusata di non aver avvisato i medici dei rischi rappresentati dal Risperdal, promosso come medicinale contro alcuni disturbi psichici infantili.

«La giuria ha stabilito che Johnson & Johnson abbia agito intenzionalmente in modo maligno» hanno affermato martedì gli avvocati di Murray, «I giudici hanno chiaramente individuato il fatto che J&J abbia ignorato la sicurezza dei bambini più vulnerabili. Questo è un momento importante. Non solo per questo contenzioso specifico ma per J&J, una società che ha completamente perso la bussola».

Johnson & Johnson ha già comunicato che farà ricorso definendo il risarcimento stabilito «spropositato». Non è infatti raro che somme simili vengano poi ridotte tramite sentenze successive. In agosto, l’azienda, con un fatturato di 82 miliardi, era già stata condannata a pagare 572 milioni di dollari per il suo ruolo nella crisi degli oppiacei. Nonostante J&J sia un marchio rispettato da medici e pazienti, la multinazionale lotta da anni in tribunale contro accuse di produrre un talco che causa il cancro alle ovaie o protesi difettose.

Leggi anche: