ATTUALITÀ :

Report – Andrea Bruno, il grillino “emigrato” in Russia che manovrava migliaia di profili

Andrea Bruno, chi è l’informatico intervistato da Report che avrebbe usato bot su Facebook per diffondere bufale

Nella puntata di Report di lunedì 28 ottobre 2019 è stato portato in televisione ciò che già veniva criticato e combattuto online negli ultimi anni. Al di là delle spese sostenute per la diffusione di determinati contenuti, come avevamo parlato a Open in merito alla campagna elettorale social della Lega e di Matteo Salvini, e di come sono state diffuse determinate campagne come quella dell’hashtag #ParlateciDiBibbiano, si è parlato delle pagine Facebook e dei sistemi automatici di pubblicazione. Intervistato da Report l’informatico Andrea Bruno, del quale riportiamo una ricerca iniziata nel 2016 con alcuni dettagli interessanti.

Uno dei post di Andrea Bruno dove sosteneva di usare dei robot per profilare utenti per scopi politici. Nello screenshot da lui pubblicato la pagina M5S news che dimostra di esserne stato amministratore.

La pagina Facebook M5S news non è nuova nel panorama della propaganda Pro Movimento 5 Stelle, così come non è nuova a diffondere false notizie appositamente per scaldare il proprio elettorato polarizzandolo sempre di più verso un’unica direzione senza alcun rispetto per i cittadini. Lo stesso Bruno, di fronte alle telecamere di Report, ammette il suo divertimento nell’aver diffuso bufale come quella di cui abbiamo parlato a Open lo scorso 8 aprile 2019:

Ho messo la foto di uno in autobus vestito con la calza maglia e ho messo che quella foto lì era il direttore di una ONG di Soros. Tutti… bastardo Soros! Figlio di puttana! Tutti incazzatissimi!

Andrea Bruno, il programmatore che utilizzava sistemi automatici di pubblicazione per ingannare gli utenti.

Andrea Bruno vive da anni tra la Russia e Lettonia, sono suoi diversi siti con guide utili per italiani che si vogliono trasferire o visitare il paese di Putin, come Appartamentisanpietroburgo.com e Vistirussia.com, oppure siti di informazione come Thetimesrussia.com che si auto-celebra come «il più letto media di informazione con notizie dalla Russia costantemente aggiornate».

Uno dei siti di Andrea Bruno, il “The Times Russia”.

Folclore a parte, è suo il sito M5Snews.com con la stessa identica grafica degli altri. Il sito è linkato sull’omonima pagina Facebook M5S news gestita dagli attivisti dello stesso Movimento di Luigi Di Maio.

Le informazioni della pagina Facebook M5S news

Il dominio, di fatto, è stato registrato a suo nome con il suo indirizzo email personale, indirizzo che ha permesso di recuperare molti altri domini da lui registrati.

Whois del dominio M5snews.com salvato nel 2017.

Ora vi mostriamo cosa scriveva Andrea Bruno su Facebook qualche anno fa. Nel post pubblicato il 27 novembre 2017 sosteneva che manipolava le masse creando pagine e gruppi con molti utenti:

Da quando in Russia ho creato i robot, li uso per manipolare la masse creando pagine e gruppo con molti utenti..
Ho creato gruppi filo russi dove scrivono persino giornalisti e consoli della federazione russa come questo… Tutto grazie ai miei robot! Dietro a tutto questo c’è un intento politico di spodestare gli usurpatori del potere!
https://m.facebook.com/groups/46497845900

Uno dei post Facebook pubblici dove si vantava della sua opera.

Sempre via Facebook, un anno prima e per la precisione il 18 novembre 2016, mostrava lo screenshot del suo PC con il codice – parlava di #ScriptGabola – per creare gruppi automaticamente per fare profilazione di utenti secondo i loro dati sensibili:

L’altro giorno, mi sono detto, faccio uno script per facebook,.. per creare gruppi automaticamente e fare la profilazione utenti secondo i loro dati sensibili (tendenza politica, professione, preferenze, luoghi visitati ecc..).
Il software avvia dei worker (una dozzina), i worker entrano in facebook, e cominciano ad esaminare gli utenti e le loro amicizia tramite i dati che hanno loro stesso resi pubblici, ed esamina anche le pagine per vedere chi ha messo “mi piace” sugli elementi in modo da creare una profilazione accurata degli utenti, anche di quelli che tengono tutte le loro informazioni personali private, ma poi vanno nelle pagine a mettere gli “I like” facendo intendere le proprie preferenze e abitudini..
In poco tempo raccolgono i dati sensibili di migliaia di utenti che facebook rende pubblici, delimita la ricerca nelle aree geografiche che mi interessano, e gli spider mi creano un gruppo che i interessa a me buttando dentro l’utenza che mi interessa.. (Chiaramente solo chi di sua volontà ha impostato di poter essere aggiunto ai gruppi).. In pratica facebook con le sue regole mi ha dato la possibilità di creare dei gruppi magnifici con amici che condividono le mie passini, ecc..

La schermata con lo script che avrebbe usato per creare automaticamente gruppi e attirare utenti usando le possibilità allora disponibili su Facebook.

In un commento al post scrive: «Io e i miei amici hacker russi abbiamo appena aperto il gruppo RENZI ADDIO, 100.000 iscritti». Del gruppo, oggi, non c’è traccia.

Il post dello “script-gabola” e i commenti di Andrea Bruno.

Un altro fatto curioso erano le amicizie di Andrea Bruno che all’epoca possedeva tre account Facebook. In uno di questi era amico di Carlo Martelli, ex parlamentare del Movimento 5 Stelle.

Uno degli account Facebook di Bruno aveva l’amicizia condivisa con Carlo Martelli, ex parlamentare del Movimento 5 Stelle.

In un altro post Facebook, di cui abbiamo solo lo screenshot, sosteneva che usava i suoi robot su Facebook li aveva creati con l’intento di plagiare e di circuire a fini politici «tutta unamassa di rincoglioniti». Sempre nel post dice che «il meccanismo è molto semplice» e che quando qualcuno si scrive a un suo gruppo è convinto di essere lui a volerlo. Non solo, sostiene di essere stato tra «i primissimi ad essere stato invitato a Genova da Beppe Grillo» e che in quel periodo la sua idea era di creare i presupposti per una sua candidatura, ma che ci avrebbe ripensato «pur sapendo di vincere a mani basse grazie ai social».

Uno screenshot con un post di Andrea Bruno nel quale sosteneva di avere legami con Beppe Grillo.

Sembrano dei post esagerati, troppo celebrativi di se stesso – che si dichiara autistico – e tra i primi dubbi è che potesse essere uno che si divertiva a prendere in giro tentando di far abboccare all’amo qualcuno per trovare un collegamento tra il Movimento 5 Stelle e la propaganda Russa.

I video dell’incontro tra gli attivisti e Beppe Grillo a Genova nel 2013.

In tre videodel 2013 pubblicati sul suo canale Youtube Russologia sostiene di trovarsi a Genova per incontrare Beppe Grillo. Nel video si parla di un incontro con “cento attivisti” con il comico genovese.

Attivista, informatico, ma alla fine un’unica pagina Facebook – M5S news – da lui gestita e pubblicizzata, di altre non se ne hanno traccia e i suoi gruppi come Russologia.com!!: Russia, Ucraina ex Urss (o Bitcoin Italia) non sono così grandi come Club Luigi Di Maio che conta oggi circa 77 mila membri iscritti.

Leggi anche: