Omicidio Sacchi, la famiglia di Luca: «Grazie alla mamma di Valerio, prendiamo atto delle sue parole»

Giovanna, mamma di Valerio Del Grosso, ha denunciato il figlio alla polizia. E oggi ha chiesto scusa alla famiglia del giovane 24enne ucciso: «È giusto che mio figlio paghi»

Sono passati dieci giorni dall’omicidio di Luca Sacchi, e non c’è ancora nulla di veramente chiaro nella dinamica dei fatti che hanno portato alla morte del ragazzo in seguito all’aggressione avvenuta nella notte tra il 23 e il 24 ottobre davanti al pub John Cabot, a Roma.

Dopo aver convocato una conferenza stampa il 30 ottobre, con i legali e il papà di Luca, Alfonso, la famiglia del ragazzo torna a esprimersi con poche parole. «Ringraziamo la madre di Valerio e prendiamo atto delle sue parole. Non ce la sentiamo di aggiungere altro, perché la vicenda non è ancora chiara», dicono commentando quanto dichiarato oggi dalla madre di Valerio Del Grosso, in carcere perché accusato della morte del giovane.

Le parole di mamma Giovanna

Giovanna, mamma di Valerio Del Grosso, ha denunciato infatti il figlio alla polizia. E oggi ha chiesto scusa alla famiglia del giovane 24enne ucciso: «È giusto che mio figlio paghi», ha detto durante un’intervista al Giornale Radio 1.

«Sono distrutta dal dolore sapendo che una mamma e un papà, un’intera famiglia, stanno piangendo la morte di un figlio. Ancora non posso credere che Valerio abbia potuto fare un gesto simile. E come me tutti quelli che lo hanno visto crescere nel quartiere», afferma Giovanna.

«Non ho pensato mai nemmeno un minuto – ha spiegato – che si potesse fare una cosa diversa da quella che ho fatto. La nostra è una famiglia per bene, di lavoratori, e per questo non potevamo aggiungere al dolore di questa tragedia la vergogna di sentirci in qualche modo complici. Quel giorno ho anche pensato che forse era l’unica maniera per dare a Valerio una speranza di riscatto», dice.

Leggi anche: