Educazione ambientale: l’Italia sarà il primo Paese al mondo. L’idea di Fioramonti conquista i media internazionali

«Tutte le scuole dedicheranno 33 ore all’anno, circa un’ora a settimana, alle questioni relative ai cambiamenti climatici», ha chiarito il ministro in un’intervista a Reuters

La proposta del ministro dell’istruzione Lorenzo Fioramonti sull’introduzione dell’educazione ambientale a scuola ha conquistato tutti.

Fioramonti, già professore di Economia all’Università di Pretoria in Sud Africa, ha lanciato un’iniziativa che vedrà l’Italia diventare il primo Paese al mondo a introdurre come materia obbligatoria lo studio dei cambiamenti climatici.

Il New York Times

In un’intervista rilasciata a Reuters, il ministro ha spiegato che da settembre prossimo «tutte le scuole dedicheranno 33 ore all’anno, circa un’ora a settimana, alle questioni relative ai cambiamenti climatici».

Fioramonti ha detto che «molte materie tradizionali, come geografia, matematica e fisica, saranno studiate in una nuova prospettiva legata allo sviluppo sostenibile» e che «l’intero ministero sta cambiando affinché la sostenibilità e il clima siano al centro del modello educativo».

Deutsche Welle – Germania

Una notizia rimbalzata su tutti i grandi giornali internazionali, dalla Cnn al The Guardian e ha attirato anche l’interesse del New York Times. Al principale quotidiano statunitense, il ministro Fioramonti ha spiegato nei dettagli come funzionerà l’inserimento dell’educazione ambientale.

«A partire da settembre 2020 – ha detto Fioramonti – gli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado terranno lezioni sul cambiamento climatico e sulla sostenibilità ambientale. Il monte orario previsto di 33 ore l’anno, sarà usato per far rientrare l’Agenda2030 all’interno del curriculum scolastico».

The Guardian – Regno Unito

«Per i bambini tra i 6 e gli 11 anni – ha precisato il ministro – stiamo pensando di utilizzare il modello pedagogico delle fiabe in cui storie di culture diverse enfatizzeranno la connessione con l’ambiente. I docenti delle scuole di primo grado faranno lezioni più tecniche, mentre gli studenti delle superiori approfondiranno i contenuti dell’Agenda2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile».

Cnn – Usa

Nella stessa intervista Fioramonti punzecchia Salvini rispendendo al mittente le banalizzazioni sui cambiamenti climatici: «Questa è il tipo di assurdità che vogliamo evitare insegnando ai bambini che quella ambientale è la sfida più importante che l’umanità abbia mai affrontato», ha detto. «E voglio assicurarlo prima che ci siano cambiamenti nel governo che possano mettere in pericolo questo tipo di processo».

Leggi anche: